Ottavi, focus sulle possibili avversarie dell’Inter: i Citizens di Guardiola

0
455

Alla scoperta della prima possibile avversaria dell’Inter agli ottavi di Champions League in attesa del sorteggio di lunedì

‘Interlive’ scende più nel dettaglio rispetto a quanto già detto in termini generali sulle sei possibili avversarie dell’Inter agli ottavi di finale di Champions League, in attesa del sorteggio che si terrà il prossimo lunedì. Primo focus sul Manchester City di Pep Guardiola.

Il tecnico del Manchester City, Pep Guardiola ©LaPresse

I ‘Citizens’, come noti in gergo comune, si sono ugualmente distinti sia in Premier League che in Champions stagliandosi al primo posto in entrambe le manifestazioni, a prova di uno stato di forma rimarchevole sotto la guida dell’ambìto tecnico spagnolo ex-Barcellona. Su 15 partite sinora disputate nella massima serie inglese dove si dice sia nato il gioco più bello del mondo, il City ha totalizzato 35 punti in 11 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte grazie alle 32 reti segnate e le sole 9 subite.

LEGGI ANCHE >>> Dal Bayern al Lille: le possibili avversarie dell’Inter agli ottavi Champions

LEGGI ANCHE >>> Barella, ecco quando arriverà la decisione dell’Uefa | E a gennaio un vice

Piombano insidie dalle fasce, cautela Inter sul City

I difensori del City esultano ©LaPresse

Il modulo di gioco adottato da Guardiola è un ormai collaudato 4-3-3 spiccatamente offensivo, con la manovra che si dispiega dai centrali di centrocampo De Bruyne e Gundogan oppure Bernardo Silva verso le ali Foden e Mahrez oppure ancora Sterling e Grealish, qualora quest’ultimo non venisse impiegato come centravanti. Posto, quest’ultimo, altrimenti occupato da Gabriel Jesus che spazia come rifinitore. Come si può ben notare, l’estrema duttilità e qualità dei profili di cui dispone il tecnico spagnolo permette sempre nuove opportunità di sperimentazione che falliscono molto di rado. Qualora l’Inter incontrasse il City dovrà dunque fare moltissima attenzione in fase di non possesso cercando di coprire la propria trequarti a zone, raddoppiando sugli esterni e convergendo immediatamente verso l’interno per evitare imbucate o pericolosi tiri dalla distanza dell’artiglieria azzurra.