Tanti giri e poca fortuna, Cataldi rinato sotto la guida di Sarri

0
472

Focus sul centrocampista della Lazio, già conoscenza di Inzaghi ed ora pienamente nei piani di Sarri

“Certi amori non finiscono, fanno giri immensi e poi ritornano”, cantava uno dei più grandi cantautori della scena musicale italiana. In quel caso Venditti non parlava della sua amata Roma, ed ‘interlive’ sposta comunque l’attenzione sull’altro club della Capitale. In particolare su di elemento quantomai prezioso per Sarri che ha però vissuto una esperienza simile a quella raccontata nella citazione.

Danilo Cataldi ©LaPresse

Cresciuto nelle giovanili della Lazio, Danilo Cataldi ha dovuto faticare non poco prima di guadagnarsi la giusta rilevanza nel panorama calcistico italiano. Dopo esser stato girato in prestito al Crotone nel 2013, in Serie B, ed essere andato incontro a molteplici infortuni che hanno minato la stagione successiva, Cataldi ha esordito ufficialmente con la maglia biancazzurra in Coppa Italia nel 2015. Dopo qualche vicissitudine viene rigirato nuovamente a Genoa prima e Benevento poi, società quest’ultima che avrebbe dovuto riscattarlo nel momento in cui fosse riuscita a consolidare la propria permanenza in Serie A. In seguito alla retrocessione del club campano, Cataldi ha fatto obbligatoriamente rientro alla Lazio. Nulla di rimarchevole da segnalare sotto la direzione di Simone Inzaghi, fino all’avvento sulla panchina del tecnico Maurizio Sarri: una rinascita, quella di Cataldi, fortemente desiderata.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, rumors dall’Inghilterra per la corsia destra

Cataldi valore aggiunto per Sarri, ritorno di fiamma per Inzaghi

Cataldi lancia la maglia ai tifosi ©LaPresse

Secondo le ultime notizie raccolte in giornata da ‘interlive.it‘, l’Inter potrebbe virare su Cataldi nel caso in cui trovasse una quadra sulla situazione di mercato relativa a Vecino e non fosse in grado di chiudere per Thorsby della Sampdoria. Inzaghi rivedrebbe una figura già nota ed ampiamente cresciuta sotto il profilo tecnico e caratteriale sotto la guida di Sarri, tanto da essere diventato un titolare inamovibile della linea mediana. 20 presenze collezionate in questa stagione sinora, costellate da una rete e 2 assist. La sua buona duttilità gli permette di essere impiegato anche in posizione più avanzata come centrale o trequartista.