Scambio da 75 milioni e offerta fuori mercato: Ancelotti lancia l’assalto

0
689

La crescita maturata dall’Inter negli ultimi anni ha attirato inevitabilmente anche l’attenzione di alcuni big estere sui talenti nerazzurri. Scambio e soldi 

L’Inter lotta per i massimi traguardi anche quest’anno dopo aver vinto lo scudetto lo scorso anno, e con Inzaghi punta ad alzare ulteriormente l’asticella anche nelle altre competizioni. La crescita continua del club meneghino passa inevitabilmente anche dai singoli che hanno alzato l’asticella del rendimento completando il proprio percorso di maturazione.

Barella ©LaPresse

Uno dei leader della squadra di Conte prima e Inzaghi poi è senza ombra di dubbio Nicolò Barella, cresciuto tantissimo nelle ultime annate diventando un pilastro imprescindibile sia dell’Inter che della Nazionale di Mancini. Un exploit importante per un ragazzo ancora relativamente giovane e con ancora margini di miglioramento. Le prestazioni di Barella non sono chiaramente passate inosservate e c’è chi dall’estero potrebbe andare presto all’assalto.

Calciomercato Inter, Ancelotti tenta Barella: maxi ingaggio e scambio con cash

Carlo Ancelotti ©LaPresse

Il 25enne sardo ha rinnovato lo scorso novembre il contratto fino al 2026 ma gli estimatori non mancano e il pericolo è sempre dietro l’angolo pronto a manifestarsi. Come evidenziato dai colleghi di ‘Calciomercatoweb.it’, infatti Barella sarebbe finito di nuovo di prepotenza nel mirino del Real Madrid, ed in particolare di Carlo Ancelotti che lo avrebbe già voluto al Napoli.

Dalla Spagna si susseguono le voci relative all’interista come erede di Toni Kroos, con il tecnico di Reggiolo che quindi spingerebbe Perez all’assalto. Il Real avrebbe pronti 40 milioni di euro più il cartellino di Marco Asensio, fantasista spagnolo accostato già nel recente passato all’Inter e valutato sui 35 milioni, per un totale quindi di circa 75 milioni di euro di valutazione. A Barella inoltre potrebbe venir offerto un quinquennale da 8 milioni di euro: 40 netti in totale. Cifre monstre per provare a convincere sia il club che il calciatore che però resta un punto fermissimo per presente e futuro dell’Inter.