Mentana: “Per il doppio ruolo che ha di marcatore aggiunto, fa giocare la squadra in 11 e mezzo”

0
56

Inter, il noto giornalista Enrico Mentana tesse le lodi per Brozovic e Inzaghi e da un consiglio a Marotta

Marcelo Brozovic © LaPresse

Domenica all’Allianz Stadium l’Inter è tornata alla vittoria contro la Juventus, non capitava da 9 anni, probabilmente anche grazie al ritorno in campo di Marcelo Brozovic, sostituito a circa 10 minuti dalla fine della gara. Senza il suo centrocampista, nelle precedenti gare con il Torino in trasferta e la Fiorentina in casa la squadra di Simone Inzaghi non era andata oltre il pareggio.

Il noto giornalista e tifoso nerazzurro Enrico Mentana, ha voluto sottolineare quest’aspetto. Ecco le sue dichiarazioni riprese da’SuperTele’, programma sportivo in onda su DAZN: “Negli ultimi due anni è stato la compattezza dell’Inter. Per tutto quello che fa con e senza palla, per il doppio ruolo che ha di marcatore aggiunto, fa giocare la squadra in 11 e mezzo. Quando non c’è, l’Inter ha serissimi problemi, anche perché non esiste un suo vice. È stato un elemento equilibratore l’altra sera contro la Juve, se l’Inter è stata solida è perché c’era lui”.

Naturalmente ha dato anche il suo parere sul nuovo allenatore arrivato dalla Lazio, sul quale il pensiero dei tifosi nerazzurri è molto in bilico ogni settimana in base al risultato della squadra. Per il giornalista, il giudizio è positivo e infatti ha spiegato: “Gli do un 8 pieno. Prendi una squadra che ha vinto lo scudetto e gli togli Lukaku, Hakimi e, purtroppo, Eriksen.. Ha fatto un miracolo a dare gioco all’Inter, poi è normale – avendo cambiato molto – che nella seconda parte della stagione si perda qualche metro in campo. Se la squadra ritrova le misure della prima parte della stagione, può tornare in corsa“.

Infine ha concluso la sua disamina, con un consiglio sul calciomercato estivo e nello specifico sulla situazione di Paulo Dybala e ha detto: “Penso che all’Inter serva altro. Vedendo l’anagrafe di Dzeko, ad esempio. Le due milanesi si mettono in volata per il titolo e se metto insieme Ibra, Giroud e Dzeko superiamo i 120 anni. L’Inter deve trovare una punta giovane. Non farei una pazzia per Dybala, ma ne faccio solo una questione tecnica”.