Ultimi al mondo, nerazzurri svantaggiati dalla regola del gol in trasferta

0
38

Il nostro paese è l’unico a tenere ancora viva la famigerata regola dei gol in trasferta che valgono ‘doppio’, Inter-Milan è un terno al lotto

Fra poche ore si terrà il delicatissimo match di ritorno delle semifinali di Coppa Italia tra Inter e Milan, quarto derby della stagione. Previsto il tutto esaurito, o quasi, nella magica cornice del ‘San Siro’. Ma c’è un dettaglio che a nessuno pare essere sfuggito: vige ancora la pesante regola dei gol in trasferta. Questo potrebbe complicare la partita dei nerazzurri, ecco spiegato il perché.

Formazioni ufficiali Inter-Milan
Derby di Coppa Italia tra Milan e Inter, gara d’andata ©LaPresse

Stando a quel che il calcio europeo e non ha abituato tifosi ed addetti ai lavori negli ultimi anni, ciascuna squadra che avesse segnato una rete in trasferta avrebbe avuto un importante vantaggio nel corso della partita giocata in casa – nel quadro di quelle competizioni che prevedono scontri d’andata e ritorno. Quasi come se il gol realizzato di fronte ai tifosi avversari valesse ‘doppio’ in situazioni di parità. Peccato però che ogni federazione internazionale abbia preferito abolire questa regola penalizzante, uniformando le chance per ciascuna delle due pretendenti al passaggio del turno successivo nella competizione di riferimento. Eccetto la FIGC, che per onestà morale ha preferito mantenerla attiva sino al termine di questa stagione. Un bel grattacapo per l’Inter che partendo da una situazione a reti bianche nel match d’andata contro il Milan, dovrà segnare almeno due reti questa sera per evitare grossi pericoli in fase di stallo.

Inter-Milan, ad Inzaghi non basta un pareggio nei 90 minuti

Inter-Milan ©LaPresse

Nel caso in cui il match non dovesse vedere un vincitore entro i 90 minuti di gioco e terminare sul punteggio di 1-1, il Milan avrebbe diritto all’accesso diretto in finale di Coppa Italia. Perciò, che si tratti di un altro 0-0 (che costringerebbe ai supplementari e quindi ad allungare soltanto la penitenza) o di un 2-2, la solfa non cambia: Inzaghi non può in nessun modo accontentarsi di un pareggio. Deve segnare quanto più possibile e tenere attivo il baricentro della difesa.