Marotta: “Amareggiati ma ancora in corsa. Inzaghi è parte del progetto per essere competitivi”

0
370

Le parole dell’amministratore delegato dell’Inter, Beppe Marotta, sulla sconfitta a Bologna e le aspirazioni future del club

“Abbiamo perso soltanto una battaglia, non la guerra”, apre l’a.d. Beppe Marotta a poche ore dalla disfatta di un’Inter scomposta e beffata da un Bologna in fiducia. “Da uomo di sport sorrido nonostante l’amarezza, siamo certamente arrabbiati del risultato ma non depressi o demoralizzati”.

Decisione presa: firma con l'Inter a fine stagione
Marotta e Ausilio ©LaPresse

“Quattro partite al termine del campionato oggi hanno un peso diverso rispetto a quaranta, cinquant’anni fa. Anche le piccole realtà sanno farsi rispettare, ribaltando i pronostici”, aggiunge. Poi apre ad un discorso più generale, su quello che appare essere un equilibrio di forze in un campionato a dir poco interessante: “C’è un livellamento sia nella parte alta che in quella bassa della classifica, nessuna è matematicamente retrocessa o ha la certezza di aver raggiunto la Champions League. Noi l’abbiamo spuntata lo scorso anno dopo anni di dominio della Juventus, questo ha fatto bene al calcio italiano”.

Ancora Marotta: “Hakimi e Lukaku hanno chiesto di andar via, noi bravi a compensare le perdite”

Inter, senti Marotta: "Lo scudetto è stata la conseguenza di tutto il lavoro svolto"
Beppe Marotta premiato dall’AIC

Il dirigente nerazzurro continua a sottolineare l’enorme competitività della rosa da lui creata assieme all’aiuto di Ausilio e della presidenza, al netto di quelle perdite dell’ormai passato mercato estivo: “Non è detto che spendere sia sinonimo di vittoria. Ci sono giocatori che ci hanno lasciato per volontà propria, come Hakimi e Lukaku, altri come Eriksen per ragioni di grado superiore. Noi ci siamo adattati andando a creare una squadra competitiva che potesse soddisfare un allenatore in forte crescita del calibro di Inzaghi. Stiamo ancora lottando per lo Scudetto, siamo in finale di Coppa Italia. Siamo contenti fin qui, speriamo si aggiungano queste altre due soddisfazioni”, conclude Marotta.