Inzaghi: “Stagione quasi straordinaria”. Poi ‘messaggio’ a Zhang

0
40

Le dichiarazioni di Simone Inzaghi dopo la vittoria contro la Samp non sufficiente per agguantare il secondo Scudetto consecutivo

A giochi conclusi, l’Inter non è riuscita per un soffio a vincere il secondo Scudetto consecutivo che avrebbe fatto apporre la seconda stelletta sul petto della maglia a partire dalla prossima stagione.

Simone Inzaghi ©LaPresse

Un peccato, certo, per via di qualche scivolone che è costato punti preziosi. Ma il gruppo di Simone Inzaghi può comunque vantare altri due titoli pesantissimi e la determinazione di aver dato tutto fino alla fine, davanti ad un ‘Meazza’ vibrante e solidale.

“Prevale l’orgoglio”, dice il tecnico piacentino, “come è stato dal primo momento in cui siamo arrivati allo stadio sino all’ultimo applauso dei nostri tifosi. Complimenti al Milan e a Pioli“.

Poi aggiunge: “Voglio fare un plauso a questo gruppo. È stata una stagione ottima, quasi straordinaria. Nelle ultime trenta partite abbiamo guadagnato più punti del Milan ma probabilmente hanno pesato quelli persi all’inizio. Loro sono stati più continui, noi abbiamo avuto tanti impegni come quello di Champions contro il Liverpool che hanno influito sulle prestazioni”.

“Essere arrivati secondi dispiace, visto il percorso fatto. Abbiamo vinto due trofei e siamo stati eliminati in Champions da una delle due squadre che si giocheranno la finale. Difficile dimenticarsi di una stagione così”, ribadisce.

Lo sguardo al futuro di Inzaghi: attenzione e competitività

Simone Inzaghi ©LaPresse

“Siamo una squadra che ha carattere, crea buon gioco e sa concretizzare le occasioni. Cercheremo di ripercorrere ed analizzare ciò che ha funzionato e ciò che no, per trovare nuove soluzioni ed adattarci ad un calcio che si evolve sempre”, ammette con sguardo lungimirante Inzaghi.

“Incontreremo il presidente nei prossimi giorni, a mente fresca, per parlare del futuro della squadra. Bisogna fare le cose per bene, per dare altre soddisfazioni ai tifosi. Mi auguro di poter ripartire la prossima stagione con una squadra ancor più competitiva”, conclude.