Non solo Bremer: Lazaro o Dalbert per un altro colpo in difesa

0
689

L’assalto a Bremer è atteso a breve in contemporanea con la cessione di Skriniar al Paris Saint-Germain. Ma gli acquisti dell’Inter per la difesa saranno due

Bremer freme, vuole l’Inter il più presto possibile. A quanto pare Marotta ha rassicurato il suo agente, ieri in sede assieme a Bellanova, dicendogli che il prossimo acquisto sarà il centrale brasiliano in uscita dal Torino. L’assalto al cartellino del 25enne è legato alla cessione di Skriniar al Psg: in tal senso una svolta definitiva è attesa a breve.

Gleison Bremer ©LaPresse

La dirigenza di viale della Liberazione ha comunque intenzione di prendere due centrali, visti gli addii di Ranocchia e Kolarov. Il secondo dovrebbe essere Milenkovic, in scadenza nel 2023 con la Fiorentina. Marotta e Ausilio hanno già strappato il sì del ragazzo e un accordo di massima col suo agente Ramadani, mentre con la Fiorentina non è ancora iniziata una trattativa vera e propria.

I nerazzurri contano di chiudere anche a meno di 15 milioni di euro, dato che il serbo non vuole rinnovare e con il club di Commisso ha una sorta di ‘patto’ per la sua partenza a una cifra ragionevole dopo il prolungamento della passata estate.

Negli ultimi giorni, però, ha preso consistenza il nome di un altro centrale, ovvero Manuel Akanji. Anche il 26enne elvetico ha il contratto in scadenza fra meno di un anno, con il Borussia Dortmund che però chiede sui 25 milioni di euro.

Calciomercato Inter, Dalbert e Lazaro jolly per Akanji

Akanji in azione ©LaPresse

Akanji può scavalcare Milenkovic? Questo lo vedremo, sta di fatto che l’Inter mai e poi mai – a differenza di quanto scrivono in Germania – tirerebbe fuori 25-30 milioni per il suo cartellino. Questa è invece la cifra che verrà spesa per Bremer, il quale rimane l’assoluta priorità per il reparto arretrato. Per il classe ’95 dei gialloneri l’offerta potrebbe comprendere una contropartita tecnica, nella fattispecie uno tra Dalbert e Lazaro, due esuberi che in Bundesliga sono molto apprezzati, magari anche dallo stesso Dortmund.