Lukaku: “Inzaghi come Conte. Ecco cosa ho detto a Lautaro”

0
210

Lukaku a Dazn: “E’ come se non fossi mai andato via dall’Inter. Spero che con le mie prestazioni torni l’amore di prima”

“E’ giusto fare tutto per l’Inter. Ringrazio i tifosi per l’amore per me e la mia famiglia. Mi scuso per come li ho lasciati, ma devo parlare in campo. Spero che con le mie prestazioni torni l’amore di prima”. Lo ha detto Romelu Lukaku a ‘Dazn’.

Lukaku a Dazn

Alla piattaforma streaming, il centravanti nerazzurro ha speso anche belle parole per Inzaghi: “Ringrazio Conte perché mentalmente mi ha fatto crescere, sul fatto di non mollare e andare fino in fondo ogni giorno. Queste basi rimarranno con me fino alla fine. Ma anche Inzaghi è così. Mio fratello Jordan diceva sempre cose belle su di lui. L’anno scorso in ritiro ho visto cose che possono farmi crescere e pure per questo sono tornato. Ho cercato di inserirmi al meglio nella squadra, perché gioca diversamente rispetto a prima”.

ADDIO ALL’INTER – “Durante l’anno ho avuto tanti contatti con i giocatori, è come se non fossi mai andato via. Ho voluto questa rivincita perché il Chelsea era la mia squadra quando ero giovane, credevo di poter essere protagonista e invece non è stato così”.

BROZOVIC E BARELLA – “Se mi hanno fatto pagare la partenza dall’Inter? Ho dovuto cantare alla cena di squadra e pagare, ma questo è normale. Li ho trovati meglio di prima. Brozovic è diventato più leader, più aperto verso gli altri. Non parla tanto, ma si lamenta tanto (ride, ndr). Barella è più protagonista, ha fatto tanti assist l’anno scorso. Aver vinto tanto negli ultimi anni gli ha dato stimoli maggiori”.

Lukaku: “A Lautaro ho detto che deve fare di più. Abbiamo la stessa voglia di vincere”

Lautaro e, sullo sfondo, Romelu Lukaku ©LaPresse

Lukaku ha parlato pure del suo ‘gemello’ del gol, Lautaro Martinez, svelando un paio di retroscena “E’ stato uno dei primi a sapere della mia volontà di tornare all’Inter – ha svelato Lukaku – Ci siamo parlati su Instagram perché avevo cambiato numero. Da lì su Whatsapp ci siamo scritti tantissimo. Cosa gli ho detto quando l’ho rivisto? Che deve fare di più. Ci siamo detti che dobbiamo fare meglio di prima, se vogliamo raggiungere gli obiettivi dobbiamo tutti fare meglio perché i nostri avversari sono diventati forti. Abbiamo la stessa voglia di vincere. Inter la più forte d’Italia? Non lo so, vediamo chi vince”.