Inter boutique di lusso: 160 milioni in cinque anni

0
522

Incasso da record per l’Inter grazie al suo settore giovanile. Casadei l’ultimo grande affare del club di viale della Liberazione

‘Tuttosport’ ha voluto fare un interessante studio sugli introiti dell’Inter grazie al suo vivaio, che gli ha permesso in questi ultimi anni di incassare dai giocatori usciti dalla squadra giovanile una cifra quasi impensabile, ben 160 milioni di euro.

Piero Ausilio ©LaPresse

Il computo inizia nel 2016, sei anni fa, con Cristiano Biraghi che ha iniziato con gli esordienti, poi ha cominciato la sua carriera professionistica in Lega Pro per poi essere venduto l’anno successivo al Pescara per 5 milioni di euro. In quella stessa estate dal mercato arrivarono anche 2,7 milioni da Crisetig ceduto al Bologna e 1,2 milioni da Bessa andato all’Hellas Verona. Nel 2018 fu la volta di Gravillon gigante difensivo della squadra che vinse lo scudetto Primavera, che venne ceduto al Benevento per 4 milioni di euro. Ma siamo solo all’inizio, l’elenco del quotidiano sportivo prosegue con  Zinho Vanheusden, che in questa stagione giocherà in Eredivisie nell’Az, che nel 2019 venne acquistato dallo Standard Liegi per 11,6 milioni. Non si possono dimenticare Rivas, Di Gregorio e Pinamonti, solo per citarne alcuni tra i più importanti che quest’oggi giocano tra serie A e B.

Ma come dicevamo, siamo solo alla punta dell’iceberg delle operazioni in uscita che hanno portato ottima linfa alle casse nerazzurre, altre trattative sono state la vendita del portiere Ionut Radu trasferitosi al Genoa nel 2018 per 8 milioni, insieme a lui Valietti a 6. In qualche raro caso, come per Nicolò Zaniolo, ceduto alla Roma insieme a Santon per arrivare a Nainggolan valutato nell’operazione solo 4,2 milioni di euro, qualche rimpianto c’è, ma era un rischio per avere il belga, che nella gara decisiva segnò all’Empoli il gol che valse la seconda qualificazione consecutiva in Champions League.

Nel conto delle plusvalenze finiscono anche Adorante, Sala, Burgio, Dimarco, che nel 2017/2018 venne ceduto al Sion per 4 milioni, Eguelfi e Bardi. Inoltre sono stati ben 8 i milioni incassati per l’attaccante Puscas, che ha giocato nel Palermo e nel Reading e che nel gennaio scorso è stato dato in prestito al Pisa e ora è nel mirino del Genoa. Un altro attaccante che ha portato incassi nel fatturato della squadra milanese è stato Manaj, poi il difensore Pirola e, proprio in questi giorni la cessione di Casadei, ad una cifra mai raggiunta per un ragazzo che non ha mai giocato neanche un minuto in serie A. Insomma, il vivaio dell’Inter è una vera e proprio fabbrica di soldi per la società meneghina, solo che anziché prodotti finiti escono calciatori che sono un vero toccasana per i conti della società.