Gratis all’Inter: Marotta e Ausilio agiscono senza fretta

0
393

Entro la fine di questo calciomercato estivo l’Inter regalerà a Inzaghi un difensore centrale per completare il reparto arretrato

Otto giorni alla fine di questo calciomercato estivo. Una cosa è certa, entro il 1° settembre l’Inter regalerà a Simone Inzaghi il rinforzo in difesa richiesto andando così a completare il reparto arretrato. Marotta e Ausilio si muovono senza eccessiva fretta, avendo già in pugno uno dei tre candidati: ovvero Francesco Acerbi, il preferito del tecnico piacentino.

Marotta e Ausilio ©LaPresse

Ieri in sede c’è stato un altro incontro con l’agente del centrale ai margini del progetto sportivo della Lazio, avversaria di Lukaku e compagni venerdì sera all’Olimpico. All’uscita Pastorello è stato piuttosto esplicito, confermando in sostanza che il suo assistito non è in cima alle preferenze della dirigenza.

Il classe ’88 resta la soluzione più semplice (Lotito ha aperto al prestito, anche gratuito con bonus legati a obiettivi individuali e di squadra), quella che verrà colta all’ultimo qualora il management non riuscisse ad arrivare a uno tra Chalobah e Akanji.

Lo svizzero ha chance di arrivare adesso a Milano solo nel caso in cui rinnovasse il contratto col Borussia Dortmund in scadenza a giugno. Anche per questo il giovane inglese del Chelsea è ad oggi in cima alla lista.

Calciomercato Inter, priorità Chalobah: ma il Chelsea deve aprire al prestito con diritto

Chalobah in azione ©LaPresse

Come raccolto da Interlive.it e confermato da altre fonti questa mattina, il club di viale della Liberazione punta a strappare il prestito con diritto di riscatto di Chalobah.

Il motivo è semplice: l’Inter stima molto il 23enne nato in Sierra Leone, tanto che vorrebbe puntarci anche in futuro, facendo suo il cartellino.

L’intermediario nonché uno dei suoi agenti, Paolo Busardò, è al lavoro per cercare di convincere i ‘Blues’ ad accettare tale formula. Per ora i londinesi non vogliono andare oltre il prestito, che gli permetterebbe di mantenere il controllo del ragazzo ora fuori dai piani di Tuchel.