Concorrenza e sogno impossibile: Perisic come Lukaku

0
1028

L’estate dell’Inter è iniziata col grande addio di Ivan Perisic in coda ad una lunga trattativa per un rinnovo di contratto divenuto improvvisamente troppo complesso da portare a dama. Il Tottenham ne ha approfittato ma tra un anno il futuro del croato sarà da valutare

Uno degli uomini più decisivi della passata stagione in cui l’Inter ha vinto Supercoppa italiana e Coppa Italia, è stato certamente Ivan Perisic, letteralmente impressionante sulla corsia sinistra della squadra di Simone Inzaghi. Forza fisica, abilità nel dribbling, velocità ed un enorme apporto sia in termini di gol che di assist per il laterale croato, divenuto un fattore determinante nel gioco interista. In estate però si è consumato un addio pesante, con il rinnovo di contratto che non è arrivato ed un’offerta importante da parte del Tottenham dell’ex Conte che ne ha approfittato per portarlo via da Milano.

Perisic ritorno suggestivo?
Perisic © LaPresse

Perisic è quindi il grande tassello mancante di casa Inter, sia per peso nello spogliatoio che per importanza oggettiva sul terreno di gioco. Da Gosens a Dimarco, i sostituti non stanno rendendo come lui e Inzaghi sarà quindi costretto a correre ai ripari. Gradualmente intanto il classe 1989 croato sta provando a farsi largo tra le maglie del Tottenham dopo essere stato fortemente voluto da Conte.

Calciomercato Inter, Perisic tra segnali e concorrenza: tra un anno cambia qualcosa?

Perisic ritorno suggestivo?
Perisic © LaPresse

Per ora la scintilla non è ancora scoccata come nell’ultimo anno all’Inter e a 33 anni Perisic dovrà giocarsi al meglio le proprie carte per evitare brutte sorprese sul lungo periodo. Intanto il legame con l’Inter non si è ancora spezzato del tutto, in quanto il calciatore continua a commentare sui social le partite della società meneghina.

Il mercato potrebbe dunque riservare anche qualche colpo di scena a determinate condizioni. Una suggestione però impossibile a gennaio, ma fino alla prossima estate non si possono porre limiti. Di certo è rimasto legato all’ambiente e il prossimo anno al Tottenham nel suo ruolo arriverà il mancino dell’Udinese Udogie, già acquistato e lasciato in prestito. La concorrenza aumenterebbe e Perisic dovrà quindi giocarsi il posto, fermo restando che un ritorno resta altamente improbabile per più fattori.