Salernitana al tappeto, Inzaghi ha ritrovato la vera Inter: Calhanoglu show

0
147

Cronaca, tabellino, top e flop della sfida andata in scena allo stadio Meazza e valevole per la decima giornata del campionato di Serie A

E’ ufficiale, l’Inter è tornata. Dopo la super partita al ‘Camp Nou’, che aveva già fatto seguito al successo casalingo contro il Barcellona e a quello al Mapei col Sassuolo, i nerazzurri battono agevolmente la Salernitana accorciando, almeno per qualche ora, il distacco dalle zone alte della classifica.

Pagelle e tabellino Inter-Salernitana: Calhanoglu show
Inter-Salernitana 2-0, Lautaro apre il match che chiude poi Barella ©LaPresse

L’Inter parte con decisione sbloccandola subito: azione rapida in un fazzoletto di campo, palla Lautaro che di destro la piazza all’angolino dove non può arrivare Sepe. L’argentino torna al gol in campionato dopo 47 giorni di astinenza. Il primo tempo dei nerazzurri è brillante, la squadra di Inzaghi schiaccia la Salernitana confermando di aver ritrovato lo spirito e la voglia di vincere persi in questo inizio di stagione. Allo scadere Sepe evita il raddoppio dello stesso Lautaro. Poco prima gli ospiti avevano in porta con Piatek, il pallone ha rimbalzato in maniera pericolosa ma Onana, titolare per la quarta volta consecutiva (la prima in Serie A al ‘Meazza’) ha risposto presente.

All’inizio della ripresa Dia va vicino al pari, poi però ecco il raddoppio a firma Barella. Grande interdizione di Calhanoglu, tacco volante di Mkhitaryan a tener viva l’azione, traversone perfetto del turco per la mezz’ala che aggancia, si smarca da Pirola e la mette dentro. Il due a zero chiude del tutto la partita, in cui nei venti finali si rivede Correa. Per l’Inter una vittoria importante che conferma i grandi progressi delle ultime due settimane e dà quella continuità che è fondamentale per riagganciare le primissime posizioni.

Pagelle e tabellino di Inter-Salernitana

TOP

Calhanoglu – Ormai del tutto calato nel ruolo di playmaker. Non sbaglia un intervento difensivo e al contempo riesce a dare sempre qualità alla manovra. Gran pennellata a Barella per il raddoppio.

Lautaro – Voleva segnare ad ogni costo vista l’astinenza in campionato di quasi due mesi, e ci riesce praticamente subito. Anche stavolta non un gol banale quello dell’argentino, specie nel primo tempo sempre nel vivo delle azioni offensive. Raggiunge un certo Milito per numero di gol (62) in maglia nerazzurra. Mica male…

Barella – Secondo gol consecutivo, ancora con un inserimento nello spazio. Per Inzaghi e per tutta l’Inter è indispensabile il suo ‘recupero’.

Skriniar – Uno degli emblemi della ritrovata Inter. Il neo capitano non ne fa passare una, sempre sul pezzo. Vedremo se la fascia potrà rivelarsi un fattore per il rinnovo…

FLOP Nessuno

INTER-SALERNITANA 2-0
13′ Lautaro, 58′ Barella

INTER (3-5-2): Onana 7; Skriniar 7, de Vrij 6,5, Acerbi 6,5; Dumfries 6,5 (88′ Bellanova s.v.), Barella 7, Calhanoglu 8 (88′ Darmian s.v.), Mkhitaryan 7 (72′ Asllani 6), Dimarco 6,5 (62′ Gosens 6,5); Lautaro 7, Dzeko 6,5 (72′ Correa 6). All.: Inzaghi 7

SALERNITANA (3-5-2): Sepe 6,5; Gyomber 5, Daniliuc 5, Pirola 5,5 (81′ Sambia s.v.); Candreva 5, Coulibaly 5, Kastanos 5,5 (59′ Valencia 5,5), Vilhena 4,5 (75′ Bohinen s.v.), Mazzocchi 5,5 (81′ Bronn s.v.); Piatek 5,5 (59′ Bonazzoli 5,5), Dia 6. All.: Nicola 5,5

Arbitro: Sacchi di Macerata
Ammoniti: Daniliuc