VIDEO | Sgombero Curva Nord in Inter-Samp: le immagini della Questura

0
79

Emergono novità su quanto manifestatosi durante l’intervallo di Inter-Sampdoria dello scorso sabato. Tutte le immagini dell’accaduto 

Ha lasciato un po’ tutti quanti ‘spiazzati’ quello che è accaduto nel bel mezzo dell’intervallo di InterSampdoria. Una vicenda che necessita senz’alcun ombra di dubbio di essere condannata del tutto e che non a caso, ha già visto attuare i primi provvedimenti da parte della Questura di Milano.

Curva Nord Inter ©LaPresse

E’ ormai noto a tutti cosa sia successo sugli ‘spalti’ durante lo svolgimento del match tra Inter e Sampdoria. Protagonisti ancora una volta – in negativo però – alcuni componenti della Curva Nord nerazzurra, i quali hanno prontamente ordinato con le maniere forti i tifosi occupanti a ‘sgomberare’ il settore appartenente al secondo anello verde. In virtù di questo poi, a prendere i primi provvedimenti su quanto accaduto, è stata la stessa Questura di Milano. In che maniera? Non soltanto ‘rifilando’ qualche daspo – quattro ad ora per la precisione – ma anche imponendo il divieto di accesso ed esposizione di: striscioni, bandiere e tanto altro in quel settore dello stadio nella gara contro il Bologna, in programma nel prossimo mercoledì. Da qui emergono fuori le prime immagini.

Caso Curva Nord, tutte le immagini di quanto verificatosi in Inter-Sampdoria

Curva Nord Inter (Screenshot Sport Mediaset)

Grazie – si fa per dire chiaramente – ad una serie di: minacce, spintoni e strattonamenti, gli ultrà dell’Inter sono così riusciti a cacciare i tifosi presenti nel settore appartenente al secondo anello verde in occasione della gara tenutasi contro la Samp (il tutto in segno di riguardo alla morte di Vittorio Boiocchi, capo ultrà nerazzurro assassinato a poche ore dall’inizio del match). La cosa ha chiaramente fatto discutere e non poco, al punto che le stesse ‘vittime’ hanno poi prontamente provveduto a testimoniare il tutto sui social. Nel mentre dunque, ad occuparsi del tutto, ci sta quindi pensando la Questura di Milano (come giusto che sia).