Dumfries is on fire, l’Inter lo vende subito: sostituto clamoroso

0
871

L’esterno destro vince e convince con la Nazionale olandese, i riflettori sono su di lui anche in chiave mercato e l’Inter bada al potenziale sostituto

Quando Louis van Gaal lo ha selezionato anche questa volta per prendere le redini della corsia destra del campo non aveva dubbi che potesse essere l’uomo giusto, nonostante qualche altra valida alternativa che il panorama calcistico olandese offrisse. Del resto, Denzel Dumfries è arrivato dall’Ajax all’Inter nella passata stagione già carico di grandi aspettative: serviva solamente confermarle.

Denzel Dumfries ©LaPresse

Con i nerazzurri le sue prestazioni in questo biennio, su per giù, sono state crescenti. Inizialmente si trattava di poche sbavature di carattere tecnico, di lettura delle fasi. Poi ha preso maggiore fiducia nei propri mezzi e ha lavorato duramente per scalzare Darmian dalla titolarità. Con il compagno di reparto oggi condivide un buon equilibrio, ma è lui su cui mister Inzaghi conta maggiormente nelle partite che contano. Sia per spinta offensiva che difensiva. Esattamente quanto visto nel corso della partita di ieri contro gli Stati Uniti, valevole per il turno degli ottavi di finale del Campionato del Mondo di Qatar 2022.

Dumfries è stato a dir poco brillante, oltre che letale. Ha fornito due assist per i primi due gol della Nazionale dell’Olanda (dire Paesi Bassi sarebbe formalmente più corretto, ndr), risultati l’uno lo specchio dell’altro in un’impostazione tattica esageratamente funzionale. In questo s’è vista la mano dell’esperto commissario tecnico, ma questo è un altro discorso. Il pacchetto è stato poi impreziosito dal gol sul finale, un preziosismo che lo ha insignito del premio di ‘Man of the Match‘. Poco male per uno degli astri nascenti d’Europa, in una notte Mondiale. Con tanto di bacio da van Gaal sul finale.

Calciomercato, Dumfries a rischio cessione: l’Inter pone rimedio

Denzel Dumfries ©LaPresse

Inevitabilmente questa escalation lo ha portato a far parlare molto di sé sul mercato. Già nelle passate settimane, prematuramente rispetto ai tempi dettati dall’avvicinarsi della sessione invernale, ha destato l’interesse di Chelsea e Manchester United. I primi restano in pole per il suo cartellino, con assalto da 40 milioni di euro a gennaio, per sostituire adeguatamente Reece James che è ancora alle prese con l’infortunio. Lo stesso esterno destro, raggiunto dai microfoni del ‘The Athletic’, ha così dichiarato: “L’interesse del Chelsea è per me un complimento ma vale lo stesso che indossare una maglia tanto prestigiosa come quella dell’Inter. Gioco in un bellissimo club in Italia e sono concentrato sul Mondiale. La mia testa non è rivolta ad altro“.

Nel caso in cui l’Inter aprisse ad un trasferimento definitivo a gennaio, il suo sostituto arriverebbe in prestito per fungere da tappabuchi nell’attesa che arrivi la grossa sessione estiva pre-nuova stagione. C’è interesse da parte di Marotta per Singo del Torino, ma piace anche Emerson Royal del Tottenham. Quest’ultimo, per quanto completo, costa davvero tanto. Ecco perché le attenzioni potrebbero scivolare inevitabilmente su profili in partenza o meno dispendiosi, come Odriozola del Real e Karsdorp della Roma. Entrambi, da sottolineare, obiettivi dichiarati della Juventus.