Ribaltone improvviso: accordo e l’Inter gli dice addio

0
40

Il centrale è tra i papabili partenti per la prossima estate, dei tanti club in lista soltanto uno avrebbe la precedenza assoluta sugli altri 

Il gioco del calcio è evoluto nel corso degli anni sotto numerosi aspetti, tra cui sicuramente quello economico. Tempo addietro non si poteva certamente parlare di operazioni a sei zeri, così come di ingaggi mostre e sponsorizzazioni che durano per la vita. L’escalation non accennerà di certo ad arrestarsi neppure nel prossimo futuro, ma le istituzioni internazionali hanno iniziato ad imporre paletti per limitare le ingenti spese dei club più facoltosi, delirando così una linea sottile nella corretta ed equa disputa delle competizioni.

Inzaghi osserva N'Dicka, rinnovo vicino
Simone Inzaghi ©LaPresse

Alcuni di questi club, come nel caso dell’Inter, hanno ben pensato di attuare delle vere e proprie strategie interne in termini di sostenibilità economica operando sul fronte delle uscite in modo più deciso per generare plusvalenza, così come su quello dei nuovi innesti preferendo i cosiddetti parametri zero. Gli esempi più lampanti in Europa sono stati quelli di Messi e Donnarumma al PSG, oppure di Kessié dal Milan al Barcellona. La Juventus ha lasciato andare Dybala alla Roma, mentre ha prelevato nuovamente Pogba dal Manchester United. Grandi nomi, grandi firme, nessun esborso (o quantomeno limitato all’ingaggio).

Calciomercato, anche l’Inter su N’Dicka: svolta inattesa

Tra i nuovi talenti emergenti a dover fare i conti con la sua prossima scadenza di contratto nel giugno 2023 è il difensore centrale Obite Evan N’Dicka. Classe ’99 e reduce da una grande passata stagione tra le file dell’Eintracht Francoforte, vincitrice dell’Europa League, ha oggi attirato le attenzioni di numerosi club internazionali.

Obite Evan N'Dicka obiettivo Inter
Obite Evan N’Dicka ©LaPresse

Il Milan aveva tentato l’affondo in passato, dopo aver perso la chance di Botman, ma infine Maldini decise di fiondarsi su Thiaw dello Schalke 04. Ma i rossoneri restano all’erta soprattutto per garantire a Pioli un rimpiazzo per il post Kjaer. In lista ci sono anche Roma e Juventus, potenzialmente vicine al suo cartellino anche a gennaio dietro compenso da 8 milioni di euro, ma l’Inter avrebbe voluto osservarlo più da vicino se non fosse stato per Markus Kroesche.

Il direttore sportivo dell’Eintracht si è dimostrato fiducioso di poter chiudere l’accordo di rinnovo del contratto del giovane N’Dicka, spiazzando di fatto tutte le concorrenti: “Siamo ancora in trattativa e si può già immaginare una sua permanenza a Francoforte“, ha dichiarato a ‘Bild’. I nerazzurri dovranno dunque virare su un altro profilo, possibilmente under-25, da affiancare a Skriniar e Bastoni in caso di partenza di de Vrij.