Mega offerta dall’Arabia, decisione presa da Lukaku

Il belga ha già fatto intendere quelle che sono le sue reali intenzioni. Anche il Chelsea spinge per il suo addio ma solo a determinate condizioni. La situazione

Romelu Lukaku e l’Inter, come ormai risaputo del resto, si sono riabbracciati nuovamente nel corso della passata estate: precisamente nel momento in cui il belga ha fatto di tutto pur di tornare a Milano, tanto da ridursi notevolmente l’ingaggio, ora sugli 8,5 milioni con annesso contributo del Chelsea.

Romelu Lukaku (LaPresse) – interlive.it

C’è da dire, però, che un anno è già volato via ed ora, per via del fatto che i nerazzurri concordarono assieme al Chelsea un prestito oneroso annuale da 8 milioni più un massimo di 5 milioni di bonus, non si sa ancora con assoluta certezza che cosa ne sarà del futuro di Lukaku.

Il belga è, infatti, atteso a Londra a partire già dalle prossime settimane, fermo restando che né l’uno né l’altro vogliano proseguire la propria avventura assieme: ‘Big Rom’ in primis.

Una dimostrazione, come già anticipato, la si è avuta proprio nel corso di quest’annata. Chiaro, però, che da qui in poi occorreranno tutta una serie di attente e mirate riflessioni anche se, c’è da dirlo, il belga ha già fatto intendere quelle che sono le sue reali intenzioni. Il tutto con più di un semplice segnale.

Calciomercato, no secco di Lukaku all’offerta dell’Al-Hilal: il belga vuole solo l’Inter

A quell’offerta ripostagli direttamente da parte dell’Al-Hilal negli scorsi giorni, trattasi precisamente di un biennale da 25 milioni di euro a stagione, Romelu Lukaku ha ringraziato rispedendo, da lì in poi, tale proposta al mittente.

Romelu Lukaku (LaPresse) – interlive.it

Nonostante quel potenziale e ricco contratto che avrebbe potuto garantirgli 50 milioni di euro in appena due anni, il belga ha deciso di dire di no all’offerta saudita.

A questo punto, quindi, con tale gesto ‘Big Rom’ ha fatto intendere, per l’ennesima volta, al Chelsea di non volere nient’altro al difuori dell’Inter.

Una situazione tutt’altro che semplice da gestire, dunque, quella a cui si trovano difronte i ‘Blues’: società che vuole sì arrivare a liberarsi del classe ’93 ma, certamente, senza ‘regalarlo’ nuovamente.

Non a caso, pur beneficiando di ottimi rapporti assieme al presidente Todd Boehly, Romelu Lukaku, con tale mossa, non ha fatto nient’altro che mandare su tutte le furie la dirigenza del Chelsea.

Non per nulla, infatti, tralasciando per un attimo il fatto che l’ex Anderlecht sia stato rilevato due soli anni fa dai ‘Blues’ per la bellezza di 115 milioni di euro, resta da dover tenere in conto che lo stesso ‘Big Rom’ ha ancora un lungo contratto con data di validità sino a giugno 2026 assieme agli stessi londinesi.

Una cosa è certa però: pur essendo sotto contratto assieme al Chelsea, chi pare aver il coltello dalla parte del manico – fa strano dirlo ma così sembra – è proprio il belga…Con l’Inter che, al tempo stesso, sta già facendo affidamento su una sola ed unica cosa.

L’Inter spinge per il prestito Lukaku bis e punta tutto sulla volontà del belga: la situazione

La dirigenza dell’Inter, fermo restando che non può permettersi di spendere 50-60 milioni di euro per l’acquisto a titolo definitivo di Lukaku, non ha – d’altra parte – benché la minima idea di sborsare fuori tale cifra, anche nel caso in cui avrebbe potuto permetterselo, viste le attuali premesse.

Su richiesta dell'Inter, Lukaku ridiscuterà col Chelsea di un nuovo prestito
Romelu Lukaku (LaPresse) – interlive.it

La volontà dei nerazzurri, infatti, non è altro che quello di arrivare a concordare un nuovo ed ulteriore prestito per il belga assieme al Chelsea. Tutto questo lo si evince, inoltre, dal fatto che Marotta e Ausilio abbiano già affidato un importante compito al belga.

Ad essere sinceri, sarà una volta terminato l’ultimo impegno assieme al Belgio – in programma nella serata di domani contro l’Estonia – che Lukaku, direttamente su richiesta dell’Inter, si prenderà nuovamente la briga di riprendere in prima persona i discorsi legati al suo futuro assieme ai ‘Blues’.

Proprio la ‘Beneamata’ in primis, non a caso, confida nel fatto che il classe ’93 insista, da punto e accapo, con la dirigenza londinese: questo proprio in virtù del fatto che Todd Boehly e i suoi arrivino a cedere come già accaduto nella passata estate.

Lukaku su tutti, per intenderci, ha fretta e non si augura, perciò, nient’altro che il consenso del Chelsea ad un suo secondo prestito in nerazzurro.

Impostazioni privacy