L’ex Juve erede di Skriniar: affare da 15 milioni

Per la difesa, dopo l’infruttuosa trattativa di avvicinamento ad Azpilicueta, torna di moda il nome di un ex Juve. L’Inter voleva prenderlo già a gennaio

Lo stesso giocatore sarebbe stato felicissimo di trasferirsi a Milano. Ma, alla fine, complice il mancato passaggio anticipato di Skrianiar al PSG, l’obiettivo è rimasto dov’era, e cioè a scaldare la panchina a Bergamo. Il giocatore cui stiamo alludendo è ovviamente Demiral. Il braccetto destro che potrebbe sostituire lo slovacco nella prossima stagione. A quanto pare c’è già un piano per poter convincere l’Atalanta.

Demiral in prestito all'Inter?
Demiral (LaPresse) – interlive.it

Merih Demiral non ne vuole più sapere di essere allenato da Gasperini, quindi la cessione da Bergamo del difensore turco dovrebbe essere certa. Bisogna solo capire dove andrà a finire. Non è da escludere che possa diventare un compagno di squadra del connazionale Hakan Calhanoglu. L’Inter tiene d’occhio Demiral da mesi, e fallito il colpo Azpilicueta, si trova ora costretta a sborsare una quindicina di milioni per convincere la Dea a cederlo.

Il difensore turco ha vissuto un’annata particolare, soprattutto a causa di una spiccata incompatibilità di natura caratteriale col suo allenatore. Nella seconda parte della stagione ha giocato pochissimo, e ora l’Atalanta sa di non poterlo trattenere.

L’ex Juve per Inzaghi: bastano 15 milioni

Il centrale venticinquenne, che in passato ha militato nella Juventus e Sassuolo, passò nel 2021 all’Atalanta per 21 milioni di euro. La Dea vorrebbe ricavare dalla sua cessione almeno 15 milioni, mentre l’Inter sembra orientata a puntare su un acquisto a titolo temporaneo, cioè a prenderlo con un prestito secco.

Demiral: obiettivo prestito
Demiral con la maglia dell’Atalanta (LaPresse) – interlive.it

Anche perché, per il 2024, l’obiettivo è quello di prendere il giovane portoghese Tiago Djaló a zero. Demiral apre anche al prestito. La dirigenza bergamasca va invece convinta. Probabilmente si potrebbe trovare un accordo con la formula del prestito con diritto di riscatto.

L’Inter sta intanto valutando altre alternative. La prima risponde al nome di Chalobah del Chelsea. Anche lui da prendere in prestito secco o in prestito con obbligo condizionato di riscatto (il Chelsea vorrebbe 25-30 milioni). E poi Umtiti, che si è svincolato dal Barcellona e può trasferirsi a Milano come parametro zero.

Gli obiettivi dell’Inter per la difesa

Il colpo più probabile sembra proprio quello che porta al turco. Contano infatti i buoni rapporti tra la famiglia Percassi e Steven Zhang e la volontà del giocatore di cambiare aria. Visto il contratto in scadenza a giugno del 2026 da parte dell’ex Juve, l’affare potrebbe concludersi senza problemi con la formula del prestito (oneroso) con diritto di riscatto.

Yerry Mina: alternativa a Demiral
Yerry Mina marca Halaand (LaPresse) – interlive.it

Ausilio continua intanto a cercare una possibile intesa con i procuratori di Giorgio Scalvini, anche se la valutazione del giovane centrale appare a oggi fuori mercato per l’Inter. è decisamente più alta. Tra gli svincolati le occasioni si chiamano Yerry Mina (ex Everton) e il giovanissimo Di’Shon Bernard (Manchester United).

Il primo è un gigante abituato a difendere con il fisico, bloccato negli ultimi due anni da vari infortuni. I suoi procuratori lo hanno già offerto al Besiktas, ma interessa anche a Bologna, Lens e Sassuolo. Al Mondiale, con la Colombia, ha giocato bene. In Premier ha visto poco il campo. E tempo fa fu criticato pubblicamente da Guardiola, che lo accusò di essere stato poco sportivo.

Durante una sfida fra City ed Everton Laporte toccò Yerry Mina, che subito crollò a terra nel tentativo di far espellere il difensore allenato da Guardiola. Alla fine della partita, Pep insorse “È una cosa lontana dal calcio, e non è necessaria. Mina è un giocatore abbastanza bravo che dovrebbe evitare questo genere di cose…

Impostazioni privacy