L’Inter e l’addio definitivo a Lukaku: quanto è costato in un solo anno

Il belga ha giocato sporco con la ‘Beneamata’, flirtando di nascosto con la Juve, e i nerazzurri hanno deciso di mollarlo. L’impatto a bilancio nella passata annata

Come ormai risaputo, l’Inter ha da poco comunicato al Chelsea di non voler proseguire la trattativa per Romelu Lukaku, calciatore che ha un contratto che lo vede legato ai londinesi sino al 2026 ma che è da considerarsi pienamente fuori dal progetto dei ‘Blues’.

Romelu Lukaku (LaPresse) – interlive.it

Alquanto deludenti i trascorsi tra le due parti: col belga che, pur essendo tornato a Londra a titolo definitivo in quell’estate del 2021, non ha minimamente convinto alcun addetto ai lavori degli inglesi.

Un solo anno dopo infatti, precisamente nella scorsa estate, ‘Big Rom’ ha spinto più di tutti per poter tornare a Milano con l’Inter che l’ha subito accontentato riponendo, di conseguenza, in secondo piano Paulo Dybala: sin da sempre un ‘fedelissimo’ di Beppe Marotta che i nerazzurri avrebbero potuto prendere a zero, passato poi alla Roma.

Da quel momento in poi, Lukaku è dunque ritornato ad Appiano a titolo temporaneo. Affare sugli 8 milioni di euro che si è concluso sotto forma di prestito annuale: accordo che, come ormai risaputo, ha cessato di esistere a partire dallo scorso 30 giugno, data di scadenza dell’affare.

Complice il fatto che il classe ’93 non ha lunga vita davanti a sé in quel di Londra – questo perché anche il Chelsea vuole effettivamente liberarsi di lui – l’Inter ha fatto di tutto e di più pur di confermarlo alla corte di Inzaghi.

Una volta venuti a conoscenza dell’atto deplorevole dell’ex Anderlecht, colui che in questi ultimi mesi ha flirtato di nascosto assieme alla Juventus, i nerazzurri hanno immediatamente deciso di interrompere la seguente trattativa. Neppure una telefonata di perdono – durata 30 secondi all’incirca con Piero Ausilio, questo il retroscena – è bastata a Lukaku per far sì che proprio egli stesso venisse perdonato dall’intera dirigenza interista.

Chiaramente, dalle parti di ‘Viale della Liberazione’, c’è grossa delusione e profonda amarezza per quanto accaduto. Anche perché, proprio come anticipato, la ‘Beneamata’ si è spinta oltre l’inimmaginabile pur di riprendere il suo ex numero 90 a titolo definitivo: costato non poco ai nerazzurri nella passata annata.

Lukaku-Inter, è finita: il belga è costato ai nerazzurri circa 20 milioni nello scorso anno

Romelu Lukaku e l’Inter si sono definitivamente detti addio. Come più che deducibile, i nerazzurri hanno deciso di non perdonare il gesto del belga interrompendo, immediatamente, la trattativa avviata assieme al Chelsea negli scorsi mesi.

Romelu Lukaku (LaPresse) – interlive.it

Come ormai risaputo, infatti, il belga era tornato ad Appiano nella passata annata tramite la formula del prestito annuale.

14 reti e 7 assist complessivi: questi i numeri messi a referto dal classe ’93 nello scorso anno (grossomodo nel girone di ritorno però). Questo perché, complici i tre infortuni accusati da ‘Big Rom’ nella sua avventura 2.0 in nerazzurro, lo stesso Lukaku – nella prima parte della stagione – non ha potuto dare il proprio contributo alla squadra di Inzaghi.

Da sapere, al tempo stesso, che l’Inter ha investito eccome in tale operazione. Non per nulla, per strappare il sì del Chelsea a questo affare a titolo temporaneo, i nerazzurri hanno versato nelle casse dei ‘Blues’ l’esatta cifra di 7,860 milioni di euro. In aggiunta, bisogna considerare i costi dell’ingaggio del belga: colui che, anche grazie al prezioso aiuto fornito dal Decreto Crescita, ha beneficiato di 8,5 milioni netti nella passata stagione.

Complessivamente, dunque, Lukaku è costato alla ‘Beneamata’ 19 milioni di euro circa tra prestito e ingaggio. Spesa non banale per un solo ed unico anno trascorso dalle parti del Duomo, c’è da dirlo.

Impostazioni privacy