Sommer e non solo: doppio colpo dal Bayern, Milan ko

L’Inter continua a parlare con il Bayern Monaco per chiudere al più presto l’affare che porta all’ingaggio di Yann Sommer, ma non solo: si tratta anche per il prestito di un centrocampista

Simone Inzaghi vorrebbe poter contare sull’arrivo di Sommer ad Appiano Gentile entro domenica: solo così potrebbe aggregarlo alla squadra in partenza per il Giappone, in vista della tournée estiva del club nerazzurro. Il Bayern ha lasciato intendere di poter cedere il portiere svizzero, ma senza dare però troppe sicurezze all’Inter.

Il Bayern prende tempo su Sommer
Sommer (LaPresse) – interlive.it

Il club tedesco è bloccato da un’ergenza in porta, e tutti sono ancora preoccupati per le condizioni reali di Neuer: Thomas Tuchel non si fida al 100% di Alexander Nübel e Sven Ulreich, gli altri due portieri in rosa, e starebbe premendo con la dirigenza per avere un altro portiere.

L’obiettivo di Tuchel è l’estremo difensore del Valencia Giorgi Mamardashvili, e in sua assenza (e senza rassicurazioni da parte dello staff medico su Neuer), vorrebbe tenersi in squadra Sommer. Per prendere lo svizzero l’Inter dovrebbe spendere intorno ai 6 milioni, massimo: questa potrebbe essere la richiesta del club bavarese, corrispondere alla clausola di rescissione.

Il punto è che l’Inter vorrebbe spendere qualcosina in meno e non dover arrivare, anche per questioni diplomatiche, a esercitare la clausola. Quindi, trovando l’accordo con lo svizzero (e sembra che già ci sia), l’Inter potrebbe spendere qualche altro giorno per dedicarsi alla contrattazione con i bavaresi. Anche per avere lo sconto.

Nel caso di muro, si pagherebbe comunque la clausola e amen. L’intoppo sta nelle intenzioni di Sommer che, a quanto pare è un signore: prima di trasferirsi, vuole capire quali sono le reali esigenze del Bayern, per non tradire i vecchi compagni.

Sommer e non solo: l’Inter punta al prestito del centrocampista

Pare che l’Inter stia parlando con il Bayern Monaco anche per trattare il prestito del giovane Ryan Gravenberch. L’agente Enzo Raiola, che cura gli interessi del centrocampista, è stato qualche giorno fa a Milano per parlarne con Ausilio e poi con i dirigenti del Milan. Tutte e due le squadre di Milano sono infatti interessate al prospetto.

Ryan Gravenberch: l'Inter lo chiede in prestito
Il ventunenne Ryan Gravenberch (LaPresse) – interlive.it

Il centrocampista classe 2002, collocabile in mediana, nella posizione di mezzala e di regista, è un giocatore potente e dal piede raffinato. Assomiglia un po’ a un giovane Pogba o a Viera. Al Bayern non ha mai trovato molto spazio. Sia Nagelsmann che Tuchel lo hanno sempre considerato una seconda scelta, e adesso Ryan vorrebbe giocare di più.

Gravenberch viene dalle giovanili dell’Ajax e ha esordito in prima squadra nel 2018, diventando il più giovane giocatore dei lancieri a giocare in Eredivisie (di fatto ha superato il record precedente di Clarence Seedorf).

Nel giugno dell’anno scorso è passato al Bayern Monaco per 18 milioni più 5 di bonus. All’inizio ha fornito buone prestazioni, poi, piano piano, visto lo scarso minutaggio, è calato. Su di lui, come anticipato, c’è anche il Milan. Ma ci sono anche vari club di Premier. Raiola, tuttavia, vorrebbe farlo esplodere in Italia, prima di fargli fare il salto in Inghilterra.

Il tagazzo olandese, qualche giorno, intervistato da Kicker, ha espresso il suo disappunto per lo scarso spazio travoto nel Bayern: “Non voglio rivivere un anno così. Voglio solo giocare di più, preferibilmente al Bayern Monaco, altrimenti vado in un club dove giocare titolare al 100%“.

All’Inter, però, non partirebbe titolare: davanti a lui ci sono Barella, Frattesi e Mkhitaryan. Al Milan, invece, potrebbe trovare più spazio, dato il recupero ancora lento di Bennacer e la prospettiva della Coppa d’Africa.

E in Germania scrivono che i bavaresi avrebbero aperto al prestito del ragazzo: preferiscono mandarlo via un solo anno per non perderne il controllo, anche se dall’Inghilterra arrivano proposte da 25 milioni per il cartellino.

Impostazioni privacy