Niente Inter, si trasferisce in Arabia: triennale da 75 milioni

Un campione accostato all’Inter è pronto per trasferirsi in Arabia Saudita e guadagnare 75 milioni in tre anni. L’affare è ormai ufficiale

Sadio Mané è destinato a giocare in Arabia Saudita con Cristiano Ronaldo e Marcelo Brozovic: l’attaccante, nelle scorse settimane proposto dai suoi agenti anche all’Inter, ha trovato un accordo con l’Al-Nassr per un triennale da 75 milioni circa. A trentuno anni, Mané ha dunque deciso di lasciare l’Europa dopo un’annata da dimenticare nel Bayern Monaco.

Marotta non prende il campione: troppo costoso
Marotta (LaPresse) – interlive.it

Pur essendo ancora considerato un top-player, di sicuro uno dei più forti giocatori africani di tutti i tempi, Mané non ha più mercato nei campionati importanti europei. Nessuno lo ha voluto in Premier, e nemmeno in Liga o in Serie A.

All’Inter avrebbe di certo fatto comodo un giocatore così, esplosivo, imprevedibile, abile nel dribblig e veloce, ma le richieste economiche del senegalese erano troppo alte e dunque incompatibili con il progetto tecnico nerazzurro.

Lo scorso ottobre arrivò al secondo posto nella classifica del Pallone d’Oro. Da lì in poi l’inesorabile declino. Ha faticato moltissimo in Baviera, fino a trasformarsi in un ingombrante esubero. Ecco perché era stato offerto anche in Serie A, Inter compresa, ma senza successo.

Mané in Arabia Saudita: 75 milioni in tre anni

Persa ogni speranza di poter entrare in un club che giocherà la Champions, Mané ha deciso di accettare la proposta venuta dall’Arabia da 75 milioni. Al Bayern potrebbero andare 30 milioni circa. Forse anche qualcosa in più.

75 milioni per Mané
Mané (LaPresse) – interlive.it

Non c’è da stupirsi. Il senegalese non è il primo e non sarà l’ultimo campione a lasciarsi lusingare dia milioni della Saudi League. In Francia scrivono che l’Al-Nassr abbia già trovato l’accordo sia con il Bayern Monaco che con il senegalese. Per il club bavarese si tratta di sbarazzarsi di un elemento scomodo e non registrare una minusvalenza. L’attaccante era arrivato in Germania appena un anno fa dal Liverpool ed era stato pagato 32 milioni di euro.

Il classe 1992 doveva essere l’acquisto di punta del club bavarese dopo la cessione di Robert Lewandowski. Il senegalese ha giocato 38 partite ufficiali, segnando 12 reti. Ha avuto un grave infortunio, Mané. Ma non è stato quello il problema…

La rottura con i tedeschi si è consumata subito dopo la nota lite, degenerata in una violenta colluttazione, con il compagno di squadra Leroy Sané al termine della partita di Champions League contro il Manchester City.

La bocciatura di Tuchel: il timido scappa dalla Baviera

Il tecnico del Bayern Monaco Thomas Tuchel era stato chiaro già qualche giorno fa, parlando di stagione insoddisfacente. “Le sue prestazioni sono state al di sotto delle aspettative, le sue e quelle del club. La concorrenza per lui è molto dura. E il contesto estremamente difficile per lui“. E infatti è arrivata la cessione.

Sadio Mané in Arabia Saudita
Sadio Mané (LaPresse) – interlive.it

Pur essendo un attaccante tatticamente utile perché versatile e molto generoso, Mané non piace molto ai tecnici: spesso ha litigato con lo staff o è stato messo in discussione dai compagni. Se ha mantenuto la titolarità è stato solo per le sue qualità: il ragazzo è sempre stato un marcatore prolifico, creativo, tecnico e con visione di gioco.

Tempo fa lo si descriveva come un giocatore estremamente tranquillo e timido, e invece si è dimostrato poi un tipo con un bel caratterino. E piano piano sono venuti fuori i retroscena sui suoi trascorsi…

All’Inter Mané sarebbe stato il campione. E pare che il ragazzo abbia provato davvero a unirsi al club nerazzurro. Marotta e Ausilio non hanno voluto neanche sentirne parlare: troppo costoso e importante, in tutti i sensi. I dirigenti nerazzurri puntano a Balogun per l’attacco. E hanno già un paio di alternative nel caso in cui l’Arsenal dovesse sparare troppo alto. C’è Morata (anche lui caro, soprattutto per l’ingaggio) e poi c’è Scamacca.

Impostazioni privacy