Sommer atterrato a Milano: domani visite e firma | VIDEO

Yann Sommer è finalmente un giocatore dell’Inter: le visite mediche avverranno lunedì, ma lo svizzero sarà a Milano già oggi 

AGGIORNAMENTO ORE 19 – Poco fa Yann Sommer è atterrato a Milano. Nella giornata di domani il neo portiere dell’Inter effettuerà le visite mediche per poi firmare il contratto che lo legherà ai nerazzurri fino a giugno 2025.

6 milioni senza clausola. Con questa spesa l’Inter si è assicurata le prestazioni di Sommer. Trentaquattro anni, portiere titolare della Nazionale svizzera, con un passato nel Vaduz, nel Basilea e nel Grasshoppers. Dal 2014 al gennaio del 2023 ha difeso la porta del Borussia M’gladbach, dove ha giocato con Marcus Thuram. Nel 2023 è stato il portiere titolare del Bayern Monaco per sei mesi.

Sommer arriva all'Inter
Yann Sommer (Instagram) – interlive.it

Sommer arriverà a Milano in queste ore e firmerà un contratto sino al 2025. L’Inter, alla fine, ha deciso di pagare la clausola di rescissione, ma non one-shot. Il costo sarà dilazionato in due anni per ammortizzarne il peso. Il nuovo portiere dell’Inter si allenerà da subito con i nuovi compagni e. probabilmente. mercoledì partirà con la squadra per raggiungere l’Austria e misurarsi contro il Salisburgo.

E ora l’Inter cercherà anche un altro rinforzo tra i pali. Stankovic sembra dunque destinato a un prestito. Per il ruolo di secondo portiere, i dirigenti continuano a pensare a Trubin (che però potrebbe arrivare la prossima stagione a costo zero). L’alternativa è Bento dell’Athletico Paranaense. I brasiliani lo valutano 10 milioni di euro.

Sommer presto a Milano: l’Inter versa 6 milioni in due tranches al Bayern

In Brasile sono convinti che i nerazzurri siano davvero interessati a Bento Matheus Krepski, portiere ventiquattrenne, alto quasi uno e novanta, cresciuto nel settore giovanile dell’Athletico Paranaense.

Tutto fatto per Sommer
Sommer, il nuovo portiere dell’Inter (Instagram) – interlive.it

La notizia di un possibile affare fra l’Inter e il club brasiliano per l’estremo difensore è stata rilanciata anche dal portale GloboEsporte. Ma pare che il Furaçao abbia già rifiutato la proposta ufficiale pervenuta dal Benfica, e che a meno di una proposta superiore ai 10 milioni rifiuterà anche l’Inter.

Qualora anche Bento riusultasse difficile da portare a Milano, l’Inter si butterà su Audero chiedendolo in prestito. Magari oneroso. Attenzione poi allo svincolato Timo Horn, che ha giocato negli ultimi anni al Colonia.

L’Inter per ora si consola potendo finalmente accogliere Yann Sommer. Dopo il luogo tira e molla, i dirigenti nerazzurri hanno deciso di non minare i rapporti tradizionalmente buoni con i bavaresi. Si è dunque scelto di arrivare a un accordo bilaterale. L’unica richiesta di agevolazione mossa dall’Inter verte sul pagamento che verrà dilazionato in due rate e non in un’unica soluzione, in modo da poter sostenere meglio l’esborso.

Quindi la storia è stata tirata per le lunghe solo per opportunità di ordine diplomatico. Marotta non ha voluto prevaricare le esigenze della dirigenza del Bayern: l’ad nerazzurro ha però parlato più volte direttamente con Jan-Christian Dreesen per trovare una soluzione. Ma Rummenigge (rentrato come direttore del comitato direttivo) e Ausilio hanno collaborato serenamente. L’Inter e il Bayern sono squadre amiche e lo resteranno anche dopo il trasferimento di Sommer a Milano.

Intanto l’Inter ha mandato Gabriel Brozao in prestito secco alla Ternana. Il brasiliano classe 2000 proverà a rilanciarsi in rossoverde dopo alcune stagioni molto sfortunate. Può anche darsi che l’Inter lascerà che il suo contratto scada naturalmente nel giungo 2024.

Per Sommer, come vi avevamo spiegato, la giornata fondamentale è stata quella di venerdì 4 agosto, vera e propria dead-line fissata dai nerazzurri. Senza troppi affanni, alla fine il Bayern Monaco ha accettato l’offerta dell’Inter, sapendo che Marotta, in ogni caso, avrebbe esercitato la clausola rescissoria dal 6 milioni di euro con pagamento biennale.

Sommer si presenta come portiere di grande esperienza e dagli ottimi riflessi (si allena con occhiali speciali per aguazzare la vista). Bravo anche con i piedi, sa dirigere con autorità le difese e motivare i compagni. Lo raccontano come un tipo semplice, molto modesto dal punto di vista caratteriale e un po’ chiuso: un tipico svizzero.

Impostazioni privacy