Il Real chiama e l’Inter risponde: 50 milioni per il sì

Per ottenere un sì dall’Inter ci vogliono 50 milioni. Lo sanno le squadre di Premier e presto lo saprà anche il Real Madrid

In Spagna scrivono che anche il Real Madrid potrebbe presto aggiungersi al lungo novero delle squadre interessate alle prestazioni di Denzel Dumfries. Nello specifico, i Blancos potrebbero provare a chiudere Dumfries per il post Carvajal. Perez e soci non vorrebbero comunque superare il limite di 30 milioni di spesa: per l’Inter si tratterebbe di un’offerta troppo bassa.

Florentino Perez vuole Dumfries
Florentino Perez e Giuseppe Marotta (LaPresse) – interlive.it

Il club nerazzurro, al momento, non ha intenzione di cedere l’olandese, ciononostante non chiude a priori alla possibilità di una cessione. Solita storia: dovesse arrivare un’offerta giusta… E l’offerta giusta, in questo caso, dovrebbe realizzarsi in un assegno da 50 milioni.

Com’è noto, l’esterno olandese dovrebbe rinnovare con l’Inter fino al 2027, e magari anche con un opzione di un altro anno di prolungamento, vedendo salire il proprio stipendio fino a 4 milioni di euro a stagione. Oltre al Real, ci sono altre squadre su Dumfries. Per esempio i vari club di Premier League che hanno sondato il ragazzo già l’anno scorso, per poi ritirarsi, una dopo l’altra.

L’interesse era scemato sia per le richieste troppo alte dell’Inter sia per le prestazioni non esaltati di Dumfries, che dopo il Mondiale ha cominciato ad arrancare. Quest’anno la storia è diversa. Perché l’ex PSV sta dimostrando di valere e consapevolezza. Ha cominciato bene e si spera che possa concludere allo stesso modo un’ottima stagione, sia nel club che in Nazionale.

E per questo, un giocatore così, che corre, fornisce assist e sa fare il suo dovere in chiusura, può valere la cifra importante che l’Inter richiede. Il sì nerazzurro può arrivare solo di fronte a 50 milioni.

50 milioni per il sì: Marotta detta la nuova richiesta per Dumfries

Il Real Madrid è consapevole che sull’esterno ci sono altri club. E che quindi potrebbe scattare l’asta. Probabilmente proveranno ad accontentare l’Inter aggiungendo qualche contropartita. Ma l’intenzione di Marotta è quella di sfruttare il sacrificio di Dumfries per sistemare anche il prossimo bilancio.

50 milioni per cedere Dumfries
Denzel Dumfries con la maglia degli Orange (LaPresse) – interlive.it

I rumors inglesi intanto hanno già rilanciato la candidatura del Manchester United, che l’anno scorso era uno dei club più interessati all’olandese. In verità sul classe 1997 nato a Rotterdam ci sono anche il West Ham, il Newcastle e l’Aston Villa. Squadre apparentemente meno blasonate che però hanno parecchia disponibilità economica.

Il sito iberico Defensa Central crede che l’affare fra Blancos e nerazzurro si possa fare. Gli spagnoli sostengono che nelle prossime settimane l’Inter potrebbe anche aprire alla cessione. Ciò che è sicuro al momento è però che a viale della Liberazione il file Dumfries sia stato aperto solo per un possibile rinnovo.

Variabile rinnovo: firma ancora lontana

In quest’ottica c’è ottimismo sulla possibilità che un accordo venga raggiunto, ma la firma non è ancora imminente. Anche perché l’Inter sta portando avanti diversi rinnovi e l’olandese non è una delle priorità.

50 milioni per cedere Dumfries
Dumfries (LaPresse) – interlive.it

Il Real Madrid potrebbe insistere su Dumfries soprattutto qualora fra l’Inter e il giocatore non si arrivi a un accordo. In quel caso, infatti, il club nerazzurro potrebbe essere costretto a cedere l’esterno destro al di sotto del valore di mercato per evitare qualsiasi rischio.

L’Inter punta comunque a una plusvalenza di 30 milioni almeno. E di certo non rischierà di cadere in un’altra situazione spiacevole dopo aver perso a zero Milan Skriniar. L’olandese e il club sembrano sulla stessa lunghezza d’onda riguardo al continuare insieme. Bisogna mettere nero su bianco il contratto per certificare l’intesa. Nella speranza che Zhang non obblighi la dirigenza a chiudere il prima possibile un’altra plusvalenza.

Impostazioni privacy