De Laurentiis lo toglie a Marotta: affare chiuso a 15 milioni

Aurelio De Laurentiis non ci sta: non vuole che Beppe Marotta gli porti via il centrocampista a zero a fine stagione, e si parla di una cessione da 15 milioni

Beppe Marotta e Piero Ausilio pregustano il colpo Zielinski a zero. Anche Giuntoli ci spera. Ma De Laurentiis non è affatto d’accordo. L’impressione è che il presidente del Napoli farà di tutto per evitare di perdere a zero uno dei giocatori simbolo dello Scudetto. Anche perché De Laurentiis ha espresso più volte chiaramente di preferire un trasferimento all’estero dei suoi calciatori rispetto alla possibilità di rinforzare le concorrenti italiane. Finché si può guadagnare, tutto è possibile. Ma senza guadagno, non c’è trippa per gatti.

De Laurentiis non vuole perdere a zero il centrocampista
Aurelio De Laurentiis (LaPresse)

Ci sarà dunque ostracismo. Il Napoli cercherà di impedire ai nerazzurri di poter trattare col polacco, e si impegnerà ancora di più per mettere il bastone fra le ruote alla Juventus. De Laurentiis crede ancora di poter trovare un accordo con il giocatore. Di conseguenza, di poterlo convincere a rinnovare alle sue condizioni.

Se non ci sarà rinnovo entro fine mese, a gennaio, il produttore cinematografico farà di tutto per cederlo. Magari in Premier League, al Liverpool o al Newcastle, oppure in Arabia Saudita.

Il sì di De Laurentiis potrebbe arrivare anche a fronte di un’offerta vicina ai 15 milioni di euro. Intanto, con Mazzarri in panchina sono cambiate tante cose, e i rapporti tesi fra alcuni giocatori e la società sembrano essersi leggermente ammorbiditi. Il produttore cinematografico cercherà di battere sul senso di appartenenza.

Dopotutto Piotr Zielinski è un veterano. Ha già giocato otto anni al Napoli, segnano più di 50 goal. E il polacco si è affezionato alla città e alla tifoseria. D’altra parte potrebbe anche essere affascinato dalla possibilità di poter giocare in un’altra big italiana o in Premier.

De Laurentiis vuole venderlo a 15 milioni: Zielinski più vicino alla Saudi Pro League?

Il contratto del polacco, intanto, è sempre in scadenza a giugno, anche se a inizio stagione si diceva che l’accordo fosse imminente. I dialoghi per il rinnovo fin qui non hanno portato a svolte decisive in un senso o nell’altro. I dirigenti del Napoli continueranno a insistere, finché De Laurentiis non l’avrà vinta o perderà definitivamente la pazienza.

Zielinski: ci vogliono 15 milioni
Piotr Zielinski (LaPresse) – interlive.it

Forse il presidente avrebbe preferito cederlo già l’estate scorso ai ricchi club dell’Arabia Saudita. Le offerte arabe, tuttavia, non hanno convinto Zielinski, ed è difficile che possano farlo a gennaio. Potremmo dire che il polacco è stato uno dei pochi, insieme a Lukaku e a Lautaro, a scegliere di non guardare ai soldi.

Il Napoli sa che ci sono tanti altri club pronti ad approfittare di un’eventuale occasione a parametro zero. Oltre all’Inter e alla Juventus, lo stesso Liverpool potrebbe preferire di muoversi solo per un acquisto a zero. L’unica vera speranza per De Laurentiis, se davvero vuole incassare 15 milioni a gennaio, è che Zielinski capisca che lo sbocco immediato per uscire dal Napoli è l’Arabia.

Guerra su più fronti fra Giuntoli e Marotta

Marotta e Giuntoli sono quindi entrambi pronti a fiondarsi su Piotr Zielinski. Entrambi però devono sperare che il polacco continui a non firmare l’accordo con il Napoli e che l’Arabia Saudita non riesca a sedurlo con una proposta ancora più ricca di quella già presentata in estate.

Marotta contro Giuntoli
Beppe Marotta (LaPresse) – interlive.it

Lo stesso scenario si rinnova per Tiago Djaló: il ventitreenne del Lille è da tempo nel mirino dell’Inter come parametro zero, ma anche la Juve potrebbe inserirsi, attratta dal valore tecnico e di mercato del ragazzo.

Giuntoli, uomo di mondo, sa che svincolati di questo tipo non se ne incontrano tutti i giorni, e che il portoghese è un obiettivo più facile del polacco. In questo caso Inter e Juve dovranno però difendersi dalla concorrenza del PSG, che adesso è sulle sue tracce. L’Inter, a ogni modo, sembra in vantaggio.

Impostazioni privacy