Ora è ufficiale: il fondo USA compra la minoranza del club

Nel 2021, quando si parlava di una cessione dell’Inter a BC Partners, si fece avanti anche un altro fondo USA, che ora è pronto a investire su un altro club

Fu il Financial Times, nel giugno nel 2021, ad accostare prima il fondo Arctos Sports Partners e poi EQT come possibili referenti interessati da acquistare l’Inter dalla famiglia Zhang. Non se ne fece nulla, ma Arctos ha continuato intanto a investire sul calcio. La notizia ha sorpreso tutti… Il PSG, considerato uno dei club più ricchi al mondo, ha ceduto una quota di minoranza proprio al fondo americano Arctos. In realtà, il diretto interessato, e cioè Nasser Al-Khelaifi lo aveva anticipato, anche se nessuno aveva voluto dargli credito.

Psg, ceduta quota minoranza al fondo Usa
Arctos si prende quota minoranza Psg – interlive.it

Proprio qualche mese fa, infatti, Al-Khelaifi aveva lasciato intendere di voler trovare soci e investitori internazionali. E così è stato. La QSI, Qatar Sports Investments,  ha annunciato la nuova partnership con la Arctos, specificando che l’ingresso del fondo statunitense non influenzerà le questioni sportive del club né limiterà il potere decisionale di Al-Khelaifi sul PSG.

In pratica, il fondo americano acquisirà il 12,5% del club parigino, una quota di minoranza, pagando 531 milioni di euro.

Siamo lieti di accogliere Arctos nella famiglia Paris-Saint-Germain, come partner e investitore strategico. Come club e istituzione, stiamo entrando nella prossima entusiasmante fase di crescita e sviluppo del PSG“, ha dichiarato soddisfatto il presidente Nasser al-Khelifi, dopo aver spiegato che i 531 milioni di euro rappresentano l’investimento base per la quota di minoranza, a fronte di una valutazione complessiva del PSG pari a 4,25 miliardi di euro.

Il fondo USA in partnership con il PSG: anche Zhang aprirà a soci di minoranza?

Questa partnership costituirà la base della prossima fase di crescita globale del PSG e guiderà i successi calcistici e commerciali del club“, ha spiegato ancora l’attuale presidenza del club francese.

Il PSG apre a un socio di minoranza
Ill presidente del PSG al-Khelaïfi (LaPresse) – interlive.it

E fa un po’ strano accorgersi che un fondo di investimento potente come il QSI, che ha acquistato il PSG nel 2011 (per circa 70 milioni, all’epoca), abbia bisogno di investitori. Ma questo è diventato il calcio. Per primeggiare ci vogliono investimenti costanti. E non basta da solo il potere economico di un proprietario a garantire la crescita della società sportiva.

Il PSG ha scelto di collaborare con Arctos Partners, fondo con sede a Dallas, per appoggiarsi proprio a una realtà specializzata in finanziamento di società sportive professionistiche in tutto il mondo. La Arctos lavora già nella Major League Baseball, nell’NBA, nell’MLS, nella NHL (cioè la North American Ice Hockey League), in Formula 1 e in diverse squadre di calcio in Europa.

Anche l’Inter avrebbe bisogno di un simile supporto. Soprattutto a livello di liquidità. E questo non perché Zhang sia in bolletta, ma perché dalla Cina hanno tempo fa deciso di impedire agli imprenditori di investire grandi capitali nel calcio. Suning non ha mai escluso a priri l’ingresso di un fondo direttamente nel club, con una partecipazione azionaria di minoranza…

C’è anche chi ipotizza che un ingresso di questo tipo possa essere un proemio, attraverso passaggi burocratici già stabiliti, che potrebbe portare al cambio di proprietà in un arco temporale più ampio. E in effetti gli advisor che stanno lavorando per Zhang dovrebbero aver già trovato alcuni referenti interessati.

Per ora, tuttavia, Steven Zhang non ha aperto ad alcun tipo di collaborazione. Forse perché intuisce nell’Inter grandi margini di crescita sportiva ed economica. E vuole godersi tutti gli utili. Anche e soprattutto in relazione alla questione stadio.

Impostazioni privacy