Barcellona, annuncio esplosivo di Laporta: “C’è anche l’Inter”

Il presidente ‘blaugrana’ allo scoperto sul progetto Superlega, di mezzo ci sono anche i nerazzurri

A distanza di anni non ha ancora preso vita l’organizzazione Superlega, una competizione per club alternativa alla Champions League (il cui progetto è sorto fuori nell’aprile 2021) in grado di riunire le migliori squadre europee in una sorta di campionato di super élite.

Laporta: "Progetto Superlega? Presente anche l'Inter"
Joan Laporta, presidente Barcellona (LaPresse) – interlive.it

A poco son serviti i tira e molla manifestatisi nell’arco delle ultime stagioni, anche se la sensazione è quella che questo progetto possa ben presto prendere vita, magari a partire già dalla regular-season 2024-25 o, in via alternativa, in quella successiva, proprio come annunciato direttamente dal presidente del Barcellona, Joan Laporta, che in una lunga intervista concessa nelle scorse ore davanti alla stampa si è lasciato andare ad un pesante annuncio che vede, inevitabilmente, coinvolta anche l’Inter e qualche altra importante società di Serie A.

Laporta: “Per la Superlega ci siamo. Presenti anche Milan, Roma, Napoli e Inter”

In un’intervista concessa davanti ai microfoni di ‘RAC1’ nelle scorse ore, il numero uno del Barcellona dal punto di vista dirigenziale, Joan Laporta, ha svelato tutte le novità legate al progetto Superlega.

Joan Laporta (LaPresse) – interlive.it

Per la Superlega ci siamo, il progetto è a buon punto. Se non sarà nel 2024-25, questa manifestazione prenderà il via nella stagione successiva, in via alternativa mi occuperò io stesso del tutto” – esordisce. Il fatto che le migliori società inglesi abbiano declinato questo invito mi mette profondamente a disagio, fai una proposta a un club dicendogli che in caso di partecipazione riceverà 100 milioni di euro (cifra che non si può neppure ottenere in caso di vittoria finale della Champions League) e poi finisci per sentirti dire di no” – spiega.

Barcellona, Real Madrid, Inter, Milan, Napoli, Roma, Olympique Marsiglia, Bruges, Anderlecht e altre tre squadre olandesi. Saranno 16 o 18 i club coinvolti. Immagino una prima fase come questa, poi man mano integrata” – prosegue. “Ricordo ancora il momento in cui alla Coppa Campioni del 1955 parteciparono soltanto pochissimi club, competizione che alla fine è diventata la manifestazione numero uno in Europa a livello calcistico”.

“Il nostro desiderio è quello che partecipino anche i club inglesi. Queste società hanno un’importanza significativa nel calcio di oggi ed è per questo che siamo disposti ad attendere un loro sì anche fino al 2025” – conclude. Assente, quindi, la Juventus in questo elenco, sodalizio che negli anni si è sempre e comunque mostrato particolarmente vicino a questo progetto”.

Impostazioni privacy