Nagatomo: “A volte le critiche severe possono essere necessarie per crescere”

0
13

Inter, l’ex difensore Yuto Nagatomo ha voluto ricordare un episodio negativo, avvenuto in una gara casalinga contro il Napoli, durante la sua avventura in maglia nerazzurra iniziata nel gennaio 2011

Inter, accordo col Galatasaray per Nagatomo ©Getty Images

INTER NAGATOMO AMARCORD AMARO/ L’ex difensore dell’Inter Yuto Nagatomo, è stato intervistato da News Picks. Il calciatore dal gennaio 2018 al Galatasaray, ha voluto ricordare un episodio spiacevole della sua avventura in nerazzurro: la sconfitta casalinga contro il Napoli dell’aprile 2017. Queste le sue parole: “A me dispiace sempre quando commetto un errore. Tuttavia, anche quando si commette un errore, non mi lascio attanagliare solo da pensieri negativi. Come ho già detto, questo è il percorso per diventare un “eroe”. Ci sono ancora partite indimenticabili. Ai tempi dell’Inter, il 30 aprile 2017, 34esima giornata di Serie A contro il Napoli, giocavamo per la Champions. Il risultato non si riusciva a sbloccare, poi al 43esimo del secondo tempo ho fatto un chiaro errore in area di rigore; per quell’errore Callejon ha segnato e il Napoli ha vinto la partita. Al termine della partita pensavo quanto fosse terribile.

LEGGI ANCHE >>> Prosegue la caccia al bomber: i nomi
LEGGI ANCHE >>> Marotta all’assalto dei parametri zero
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Florenzi nome caldo per Conte

Non sapevo come affrontare i miei compagni e i tifosi. Qualche ora dopo ho twittato, scrivendo del mio errore e sulla voglia di rialzarsi; fui parecchio preso di mira, ma sapevo che sarebbe potuto accadere. La vera sfida è non chiedersi il ‘perché’ di certe cose, ma a ‘come’ rimediare, ho cercato di spiegare questo concetto e mi dispiace che qualche tifoso è rimasto deluso nel non capirlo. A volte le critiche severe anche se non sempre fanno piacere ma possono essere necessarie per crescere. Per guardare al futuro e diventare eroi è necessario considerare anche i momenti negativi come ‘scene’ della ‘storia’”.