Coronavirus | Serie A, Dybala guarito: ma c’è un nuovo positivo

0
37

Le ultime news Serie A mettono in evidenza il nuovo caso di posività al coronavirus nel massimo campionato italiano. Ecco tutti i dettagli

serie a coronavirus classifica
Serie A (Getty Images)

Nelle ore in cui la Juventus annuncia la guarigione di Paulo Dybala, il Torino ufficializza la positività al coronavirus di un suo giocatore. “Nel corso dei primi esami medici effettuati ai calciatori del Torino FC, è emersa una positività al COVID-19 – riporta il tweet del club granata – Il calciatore, attualmente asintomatico, é stato posto immediatamente in quarantena e verrà costantemente monitorato”.
Questa nuova positività al Covid-19 potrebbe giocare in favore di chi spinge da tempo per la sospensione definitiva della Serie A.

 

LEGGI ANCHE ->>> Calciomercato Inter, un argentino per l’attacco | I dettagli

Proprio oggi alla Camera dei Deputati il Ministro dello Sport Spadafora non ha dato ancora certezze sulla ripresa: “La road map è chiara: il 4 maggio sono iniziati gli allenamenti degli sport individuali, allargati anche agli sport di squadra in forma individuale, il 18 dovrebbero ripartire quelli di squadra con le stesse modalitàle sue parole riportate da ‘Calciomercato.it’ – Il protocollo presentato dalla Figc ha richiesto un ulteriore approfondimento da parte del Comitato Tecnico Scientifico: domani è in programma un’audizione. Dobbiamo considerare che il calcio non consente né distanze di sicurezze, né l’utilizzo dispositivi di protezione”.

“Negli ultimi giorni – ha aggiunto – si è acceso un dibattito politico inspiegabile, stigmatizzato anche dalle tifoserie organizzate: non si può dare una data certa, in Europa in questo momento le uniche date certe sono quelle che hanno deciso di bloccare i campionati. Anche l’Inghilterra ha rinviato la ripresa degli allenamenti in questa settimana. Non posso che confermare la mia linea e quella del Governo: auspichiamo che i campionati possano riprendere regolarmente ma è impossibile decidere una data certa perché dobbiamo valutare l’evolversi della situazione con la fase 2″.