Home Pagelle - I voti degli esperti Parma-Inter 1-2 | Nerazzurri di rimonta: Bastoni salva Conte

Parma-Inter 1-2 | Nerazzurri di rimonta: Bastoni salva Conte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:42

Cronaca, tabellino, pagelle con top e flop della gara Parma-Inter valevole per la 28esima giornata del campionato di Serie A

Parma-Inter 1-2 (Getty Images)

L’Inter riscatta il pari interno col Sassuolo vincendo in rimonta e allo scadere contro il Parma il posticipo della 28esima di Serie A. Nerazzurri di nuovo a – 8 dalla capolista Juventus e a -5 dalla Lazio seconda. I padroni di casa passano già al quarto d’ora con Gervinho, che si beve Candreva e poi scarica in porta il pallone dell’1-0. Quella in campo non sembra per nulla una squadra di Conte. Nessuno brilla, la difesa lasciata in balia del tridente parmense. Non c’è una reazione, se non attraverso qualche giocata sporadica e individuale. Il Parma si difende in maniera compatta oartendo di rimessa, in almeno in un paio di occasioni va pure vicino al raddoppio. Nel secondo tempo Barella e compagni sono padroni del gioco ma non in assoluto della partita, che però cambia a poco meno di dieci dal termine: de Vrij di testa fa 1-1, Kucka si fa espellere per proteste e così il Parma va in inferiorità numerica subendo il forcing dei nerazzurri, premiato dal gol vittoria di Bastoni a tre dal novantesimo. Un gol insperato, pesantissimo.

Pagelle e tabellino Parma-Inter

TOP

Lukaku – Non è certo nel suo miglior momento, ma è l’unico che lotta davvero lì in attacco.

Sanchez – Entra, forse troppo tardi, e dà vivacità alla squadra. Preziosa carta a gara in corso.

FLOP

Eriksen – Trotterella e non dà nessuna mano in fase difensiva. Ora non ha nemmeno più la scusa del ruolo, di certo la peggior partita da quando è a Milano. E’ un campione ed è chiamato a fare la differenza.

Gagliardini – Corre a vuoto, mai una scelta forte in un settore dove ne servirebbero a iosa.

Biraghi – Lo ha dimostrato anche stasera, è uno da squadra di medio livello.

D’Ambrosio – Interpreta un ruolo non certo suo ma nemmeno sconosciutogli con scarsa personalità e sbagliando spesso i tempi.

Candreva – Si perde Gervinho nell’azione del gol, tentando poi il recupero scivolando in area (cosa che ti insegnano di non fare fin da ragazzino). Pochissimi palloni decenti in area.

Conte – Le assenze sono una giustificazione fino a un certo punto. La squadra è piatta.

PARMA-INTER 1-2
15′ Gervinho, 83′ de Vrij, 87′ Bastoni

PARMA (4-3-3): Sepe; Laurini (86′ Darmian), Dermaku (76′ Regini), Alves, Gagliolo (45′ Pezzella); Kucka, Scozzarella (54′ Hernani), Kurtic; Kulusevski, Cornelius, Gervinho (86′ Brugman). All.D’Aversa

INTER (3-4-1-2): Handanovic; Godin (72′ Bastoni), De Vrij, D’Ambrosio; Candreva (68′ Moses), Barella, Gagliardini, Biraghi (68′ Young); Eriksen (68′ Sanchez); Lukaku, Lautaro Martinez (89′ Borja Valero). All.Conte

ARBITRO: Maresca di Napoli

NOTE – Ammoniti: Lautaro, Dermaku, Stellini, Gagliardini, Kucka, Godin, D’Aversa, Cracolici. Espulsi: Berni, Kucka

LEGGI ANCHE >>> Marotta: “Hakimi opportunità. Moses, Sanchez e Perisic: vi spiego”