Home Inter News: tutte le ultime notizie nerazzurre La Russa: “Peggio della Juve ci sono solo gli arbitri juventini”

La Russa: “Peggio della Juve ci sono solo gli arbitri juventini”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:17

Inter, il vice presidente del Senato Ignazio La Russa non ha avuto sicuramente parole gentili per la vittoria dello scudetto della Juve. Il noto politico ne ha avute per tutti

Ignazio La Russa – Getty Images

INTER LA RUSSA SULLO SCUDETTO/ Il vice presidente del Senato Ignazio La Russa, è stato intervistato da ADNKronos per dare un parere sulla vittoria dello scudetto da parte della Juventus. Queste le sue parole molto crude, sia nei confronti della formazione piemontese, che delle sue avversarie: “Per far vincere una Juve così scassata ci vuole un concorso di colpa di Inter, Lazio e Napoli. Ha vinto la Juve, viva la Juve, ma era una storia già scritta: chi poteva impensierirla dopo il lockdown ha finito per reagire peggio della Juve, che non ha avuto concorrenti. E poi per la Juve, anche quando non ne ha bisogno, si scatena subito l”aiutino. L’unico momento in cui è stata in pericolo la sicura vittoria della Juve, almeno in via del tutto teorica, è stato con l’Inter che si sarebbe portata a 3 punti in caso di vittoria cioè due domeniche fa: subito un gol inesistente contro l’Inter è stato convalidato. Ho scritto che peggio della Juve ci sono solo gli arbitri juventini, anche perché in questo campionato la Juve non ha proprio avuto bisogno di aiuti. La Juve, poi, è abituata a giocare con un pubblico tiepido, Inter e Lazio hanno bisogno della spinta del loro pubblico, non sono cosi abituate a vincere come la Juve, che ne può fare a meno e che ha un piccolo stadio.

Per tutte le altre news sul calciomercato dei nerazzurri CLICCA QUI.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, Sanchez a titolo definitivo | Il piano di Marotta

Il lockdown e l’assenza di spettatori per gli stadi chiusi sicuramente hanno reso più disattente Lazio e Inter, che hanno sofferto la mancanza di pubblico. La Juve ce l’ha fatta anche quest’anno, vedremo l’anno prossimo”.