Lucarelli: “Conte ha costruito una squadra tignosa, con una mentalità europea”

0
17

Inter, l’ex attaccante Cristiano Lucarelli ha voluto dare il suo parere sulla sfida di questa sera tra Inter e Shakhtar. L’ex giocatore vede i nerazzurri leggermente favoriti

Antonio Conte a Sky Sport

INTER-SHAKTAR LUCARELLI INTERVISTA/ L’ex attaccante Cristiano Lucarelli, ora allenatore della Ternana in serie C, è stato intervistato da Libero per avere un’opinione sulla sfida tra Inter e Shakhtar di questa sera. L’ex giocatore, che ha militato da gennaio a giugno 2008 nella squadra ucraina, ha detto: “L’Inter deve fare attenzione. Ormai lo Shakthar è una realtà importante: giocano la Champions da 15 anni e hanno già vinto l’Europa League. Merito del patron Rinat Ajmétov, un imprenditore che ha possibilità economiche infinite. In più fisicamente stanno molto bene e non avranno pressioni. Quelle saranno tutte sulle spalle dell’Inter”. Gli hanno domandato un pronostico e lui ha spiegato: “Inter favorita, ma di poco: 51 a 49. Anche perché gli ucraini corrono tanto e sono abituati a giocare partite decisive ad agosto“. In ogni caso l’ex giocatore è ottimista sulla vittoria della squadra nerazzurra e ha dichiarato: “Antonio Conte ha costruito una squadra tignosa, con una mentalità europea. In mezzo sono molto equilibrati e davanti hanno Romelu Lukaku e Lautaro Martinez che sono fortissimi. Lukaku mi piace tantissimo. Segna e fa reparto da solo, aiutando la squadra nei momenti di difficoltà. Ha veramente uno strapotere fisico impressionante”.

LEGGI ANCHE >>> Il punto in attacco di Ausilio: ”Lautaro e Cavani…”
LEGGI ANCHE >>> E’ fatta! Va all’Inter: ”Affare concluso”
LEGGI ANCHE >>> Tutto deciso: clamoroso ritorno in nerazzurro

L’ultima domanda, ha riguardato il suo possibile passaggio all’Inter nell’estate del 2005 e lui ha ricordato: “È stato un breve flirt estivo. Quell’anno avevo vinto la classifica marcatori e incontrai una sera il presidente Massimo Moratti in un ristorante. Mi disse che mi voleva: io però avevo appena segnato 24 gol e volevo giocare titolare. Sarebbe stata una soddisfazione indossare la maglia di cui ero tifoso, ma andare a Milano per fare la quarta punta non faceva per me”.