Conte: “Salutiamo Radja con affetto. All’Inter voglio fare cose incredibili come Trapattoni”

0
265

Inter: Le parole di Antonio Conte alla vigilia del match dei nerazzurri contro il Crotone valido per la 15° giornata di Serie A. 

Inter-Crotone
Antonio Conte in conferenza

Conferenza stampa per Antonio Conte alla vigilia di Inter-Crotone, match fondamentale per i nerazzurri che cercheranno di allungare la striscia positiva di sette vittorie consecutive in campionato. Per tutte le altre news clicca QUI. Ecco le sue parole:

“Non dobbiamo lanciare nessun messaggio alle altre squadre, dobbiamo solo pensare a noi. Mercato? Noi dobbiamo avere il dovere di credere nell’obiettivo. Quando alleni l’Inter, devi cercare di lottare fino alla fine per raggiungere il massimo. Incontri con la società? Inevitabile rimangano privati, ci vuole rispetto nei confronti di tutti. Juventus a – 9? E’ un campionato equilibrato rispetto al passato. Ogni partita te la devi sudare se vuoi vincere. Alla fine emergeranno valori importanti come il lavoro e l’organizzazione di squadra. Nainggolan? Inutile parlare di argomenti passati. Auguro a Radja tutta la fortuna del mondo, lo salutiamo e abbracciamo con affetto. Soddisfatto della squadra? Possiamo permetterci delle varianti tattiche”.

LEGGI ANCHE>>> Inter, quanto pesa l’assenza del pubblico | Nerazzurri dietro solo alla Juventus

LEGGI ANCHE>>> Calciomercato Inter, il Liverpool sorpassa Inter e Milan | I dettagli

“Sicuramente, dopo un anno e mezzo, possiamo permetterci durante la partita di cambiare. Ciò che conta, è che i concetti base su cui abbiamo lavorato non subiscano variazioni. Questa Inter come quella dei record di Trapattoni? Intanto Saluto il mister e gli faccio gli auguri di buon anno, per me è come un secondo padre. Ha fatto grandi cose all’Inter, non oso paragonarmi a ‘Trap’ perché è un’icona. Al tempo stesso, però, voglio fare qualcosa di importante anche io qui. Vidal non ha cambiato posizione contro il Verona, la differenza è stata in fase di non possesso dato che lui è bravissimo in questo. Io chiedo sempre tanto ai miei calciatori. Voglio sempre che si migliorino sotto tutti i punti di vista. Se si vuole fare qualcosa di straordinario, bisogna essere straordinari”.