Rovella e quella storia d’amore (2 volte) fallita: “L’Inter ha sempre preso tempo con me”

0
213

Inter: Nicolò Rovella ha spiegato che è stato veramente vicino ai nerazzurri anche in passato ma poi qualcosa è andato storto. I dettagli

Inter
Nicolò Rovella (Getty Images)

Nicolò Rovella, promesso sposo della Juventus, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di ‘Sportweek’, nelle quali ha spiegato che era stato vicino ai nerazzurri, la prima volta, ben cinque anni fa. Ecco le sue parole:

“Giocavo nell’Alcione, una società che ha svezzato tanti futuri calciatori. In una partita del campionato regionale, il Genoa mandò Francesco Bega e Michele Sbravati, quest’ultimo è tuttora il direttore del settore giovanile rossoblù, a osservarmi. Mi videro giocare, mi parlarono e mi convinsero. Successe 5 anni fa. L’Inter? Con i nerazzurri avevo fatto dei provini ma prendevano tempo, mi dicevano: ‘ti faremo sapere’. Ma poi non succedeva niente”.

LEGGI ANCHE>>> Serie A, Roma-Inter | Le probabili formazioni

Inter, Rovella due volte (quasi) nerazzurro: i dettagli

Inter
Nicolò Rovella (Getty Images)

Come detto, Nicolò Rovella è stato veramente ad un passo dal vestire i colori dell’Inter ma alla fine il ‘derby di mercato’ lo ha vinto la Juventus. Come spiegato da InterLive, c’è però stata un’altra occasione in cui il giovane talento del Genoa poteva approdare in nerazzurro. Risale ad oltre cinque anni fa, prima dell’approdo all’Alcione. Il calciatore classe 2002 militava nell’Accademia Inter (l’Inter stessa), un centro di formazione legato a doppio filo al club che adesso è di proprietà di Suning.

LEGGI ANCHE>>> Calciomercato Inter, sfida con la Juve | Bloccato per giugno

Il talento lombardo faticava a trovare spazio, ma il suo potenziale era già visibile. Se fosse rimasto, molto probabilmente, avrebbe avuto strada libera per quello che sarebbe stato un passaggio nelle giovanili della ‘Beneamata’. Le cose, però, non andarono affatto così. Proprio perché il talento italiano giocava poco, scelse di accettare la proposta dell’Alcione, dal quale poi venne acquistato dal ‘Grifone’.