Bonolis: “Ibra e Lukaku hanno litigato faccia a faccia, come sempre stato nel mondo del pallone”

0
393

Inter, il noto presentatore Paolo Bonolis ha voluto rispondere a diverse domande che hanno riguardato sia il campionato italiano che soprattutto la sua amata Inter. Inoltre ha dato il suo parere sulla lite tra Ibrah e Lukaku avvenuta nel derby di Coppa Italia

Bonolis, noto tifoso dell’Inter ©Getty Images

INTER BONOLIS INTERVISTA/ Il noto presentatore Paolo Bonolis, è stato intervistato da Sky Sport durante la trasmissione ‘Sunday Morning’. Naturalmente le domande hanno riguardato il campionato italiano e nello specifico la sua squadra del cuore che è l’Inter. Gli hanno subito chiesto un’opinione su Christian Eriksen, autore di una buona prova con il Benevento nel ruolo di centrocampista davanti alla difesa e se quello potrà essere il suo nuovo ruolo e il conduttore ha risposto: “Mi sembra che il Benevento sia stato un test probante per parecchie squadre nel corso delle scorse gare in campionato. L’Inter ieri ha dominato la partita ed Eriksen in quella posizione non deve fare parecchi recuperi. La partita è stata impostata in questo modo: con una squadra che ha sistematicamente tenuto l’altra nella propria metà campo e non ha previsto particolari corse di recupero da parte di Eriksen. Insomma in quella posizione sta bene, magari come mezzala non ha ancora quello spirito di sacrificio che Conte vorrebbe, ma i piedi ci sono, la visione di gioco e la tranquillità di palleggio anche, direi che possa andare. Magari da mezzala Conte da lui vorrebbe qualche recupero, contrasto e corsa in più ma è un giocatore forte e sembra che sia stata trovata la giusta posizione”. Gli hanno domandato un’opinione sulla lite tra Ibrah e Lukaku nel derby di coppa Italia e lui ha spiegato: “La questione è stata cavalcata con molta ipocrisia da parte dell’informazione, un mondo che vive di haters e persone che si insultano quotidianamente nascondendosi dietro nicknames e nel quale la macchina del fango galoppa. Parliamo di due persone di calcio che hanno litigato faccetta a faccetta, come sempre stato nel mondo del pallone. Mi sembra una cavalcata ipocrita e un eccesso di attenzione su un evento abbastanza banale e tipico del calcio”. Gli hanno chiesto un parere sul possibile scambio Dzeko-Sanchez e lui ha risposto: “Sarebbe stato uno scambio probabilmente utile ad entrambe le squadre dal punto di vista tecnico, dal punto di vista economico ha tutt’altra faccia. Dzeko per il momento vive un disagio particolare a Roma, Sanchez a me piace molto perché mette grinta e attenzione nel suo ruolo, probabilmente sarebbe stato un buono scambio per entrambe, ma evidentemente economicamente non è conveniente e non si farà. Se si fosse fatto sarei stato contento perché parliamo di due ottimi giocatori, uno un po’ più vecchietto dell’altro e la fatica fisica in campo poi si sente e fa certamente la differenza“. Per tutte le altre news CLICCA QUI.

 

LEGGI ANCHE>>> Schiattarella: “Brutta prestazione. Solo con l’Inter è successa una cosa”

Infine un’opinione sulla lotta per lo scudetto, che per il momento vede le due squadre milanesi che provano la fuga e dietro cinque squadre che le rincorrono non troppo lontane e lui ha dichiarato: “Io dico Inter, Atalanta, Juventus e Milan. L’Atalanta pratica un gioco e ha una rosa che potrebbe portarla ad ambire allo scudetto. Credo però che le Coppe avranno il loro peso, impegno che l’Inter non ha. Ma l’Atalanta per come gioca e per l’impegno che mette potrebbe certamente ambire al campionato“. Come si dice, le ultime parole famose, visto che la formazione di Gasperini nella gara casalinga del pomeriggio contro la Lazio ha perso 3-1 ed è finita in settima posizione scavalcata dalla formazione di Simone Inzaghi.