Inter cinica e spietata, Conte ‘alla Mou’ | Eriksen, perché è indispensabile

0
833

Inter: partita perfetta a livello difensivo per i nerazzurri che battono l’Atalanta nonostante un Arturo Vidal lontano dalla forma migliore

Inter
Antonio Conte (Getty Images)

L’Inter batte l’Atalanta 1-0 e torna a +6 sul Milan in campionato. Quella della squadra di Antonio Conte è stata una vittoria tattica e di sacrificio che ha portato i nerazzurri al settimo successo consecutivo in campionato, forse il più importante della stagione fino a qui contro la squadra decisamente più in forma della Serie A. I nerazzurri non hanno creato tanto ma quel poco è bastato per portare a casa i 3 punti grazie ad un match tatticamente perfetto.

LEGGI ANCHE>>> Calciomercato Inter, via a fine stagione | Pedina per il difensore

Inter, perfezione difensiva: perché Eriksen deve essere titolare

Inter
Christian Eriksen (Getty Images)

Conte ‘alla Mourinho‘. Senza essere blasfemi, a livello tattico ieri il leccese ha ricordato le partite preparate dal portoghese eroe del Triplete. Grazie ad una difesa di ferro e a tanto cinismo sottoporta, (un solo tiro nello specchio che è bastato a stendere l’Atalanta) i nerazzurri sono usciti con il sorriso da ‘San Siro’. La ‘Beneamata’ non ha subito praticamente niente – due nette palle gol della ‘Dea’ su calcio d’angolo ma ben poco altro. L’Inter, che ha avuto due super occasioni buttate da Lukaku non nella sua serata migliore, principalmente l’ha preparata in modo tale da non subire troppo dai bergamaschi che in campo aperto fanno la differenza più di qualunque altra squadra in Italia.

LEGGI ANCHE>>> Inter, compleanno da Regina | Premiate quattro leggende nerazzurre, i dettagli

Ma, tralasciando la tattica, Conte ha fatto degli errori? No. Per quanto Arturo Vidal abbia fatto fatica, l’idea di inserire il cileno dal 1′ al posto di Eriksen per coprire di più aveva senso. Il danese, però, subentrato nei primi minuti del secondo tempo, ha dimostrato per l’ennesima volta quanto sia indispensabile per questa squadra. L’ex Tottenham è da sempre un giocatore pieno di qualità – suo l’angolo da cui arriva il gol di Skriniar – e adesso sembra anche aver trovato la forma migliore regalando a Conte ciò che l’ex Chelsea gli aveva sempre chiesto, ovvero intensità e copertura difensiva. Ormai è una certezza. Se ce lo avessero detto qualche settimana fa, probabilmente, avrebbe riso anche il Ct della Danimarca…