Inter, Beppe Marotta ricoverato alla clinica Humanitas causa covid-19

0
485

Inter, i dirigenti Beppe Marotta e Adriano Galliani sono ricoverati in ospedali da qualche giorno causa Covid-19. Il manager nerazzurro all’Humanitas di Rozzano mentre l’ex rossonero è all’ospedale San Raffaele di Milano. Le loro condizioni sono in miglioramento

Beppe Marotta a Dazn

INTER MAROTTA E GALLIANI RICOVERATI/ Il Covid continua ad imperversare e la Lombardia rischia di andare in zona rossa. Purtroppo per Inter e Monza, la pandemia ha colpito i due dirigenti Beppe Marotta e Adriano Galliani. Entrambi i due manager si erano recati a Roma per la riunione di Lega e al loro rientro insieme ad alcuni colleghi, per la società nerazzurra anche Alessandro Antonello e l’avvocato Angelo Capellini, erano risultati positivi al tampone e dal 26 febbraio si trovavano in isolamento. Da alcuni giorni sia Beppe Marotta che Adriano Galliani, sono stati costretti a recarsi in ospedale. Il primo è ricoverato alla clinica Humanitas di Rozzano, mentre il secondo si trova all’ospedale San Raffaele di Milano ed è seguito dal dottor Alberto Zangrillo, il primario di Anestesia e Rianimazione dell’istituto dove a settembre era stato curato anche Silvio Berlusconi, dopo aver contratto il virus. Fortunatamente, i due pazienti stanno reagendo molto bene alle terapie e ci sono stati ottimi miglioramenti. Per tutte le news di calciomercato e non solo sui nerazzurri CLICCA QUI.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, Inter e Juve respinte | Il club lo blinda: i dettagli

Tantissimi i gesti di affetto e i messaggi di pronta guarigioni verso i due manager e tra i più significativi, quelli dei due ex presidenti di Inter e Milan Massimo Moratti e Silvio Berlusconi e dell’ex allenatore di Milan e Juventus Massimiliano Allegri. Dagli ospedali informano anche che i due pazienti cominciano a non sopportare più la degenza e l’obbligo di inattività, un altro segnale che sono in fase di guarigione anche se dovranno pazientare ancora un po’ prima di essere dimessi. Come ha spiegato il Corriere della Sera.