Ligabue: “Moratti rappresenta il presidente che vorrei sempre: molto facoltoso e molto tifoso”

0
227

Inter, lunga intervista con il cantante Luciano Ligabue che ha ripercorso l’approdo di Ronaldo il ‘Fenomeno’ nella squadra milanese nel lontano 1997. Il cantante ha anche voluto ricordare con delle belle parole l’ex presidente Massimo Moratti

Inter
Massimo Moratti (Getty Images)

INTER LIGABUE INTRVISTA/ Il cantante Luciano Ligabue, è stato intervistato nell’ambito dello speciale di Sky Sport sull’approdo di Luis Nazario de Lima in arte Ronaldo all’Inter nel 1997. Queste le sue prime dichiarazioni: “I miei primi concerti negli stadi furono due serate a San Siro una settimana dopo l’acquisto di Ronaldo. Mi ritrovai in quello stadio, con quell’epica, sapendo che ci giocava la mia squadra del cuore e che un paio di mesi dopo ci avrebbe giocato il più forte al mondo con quella casacca. Tante emozioni come cantante e come tifoso”. Il cantante, ha poi ricordato l’esordio del ‘Fenomeno‘ alla prima giornata di campionato contro il Brescia, che però consacrò Recoba e in merito ha detto: “L’Inter non riusciva a buttarla dentro, a un quarto d’ora dalla fine Hubner fece un golazo e a quel punto si prospettava la classica giornata da interista: presenti il giocatore più forte al mondo e perdi in casa contro il Brescia. Però siccome l’Inter è capace di tutto nel bene e nel male succede che Ganz viene sostituito dall’esordiente Recoba e negli ultimi minuti rilascia due missili da 30 metri che finiscono nel sette prima a destra e poi a sinistra e quindi gli onori delle cronache se li prese lui”.

Per tutte le news di calciomercato e non solo sui nerazzurri CLICCA QUI.

 

LEGGI ANCHE >>> Inter, UFFICIALE torna l’incubo Covid | Giocatore sottoposto a tampone: le ultime

LEGGI ANCHE >>> Inter, punti recuperati e reti segnate | La macchina perfetta di Conte   

Ligabue, ha poi voluto spendere delle belle parole anche per l’ex presidente Massimo Moratti e ha dichiarato: “Rappresenta il presidente che vorrei sempre: molto facoltoso e molto tifoso. Solo che con un presidente così, se non vinci stai male per lui. Se io stavo male, pensavo a lui che era deluso come tifoso, amareggiato come imprenditore e sentiva un forte senso di colpa perché sono sicuro si sentisse responsabile per la felicità degli interisti“.