Inter, Eriksen: “Ora io e Conte ci conosciamo meglio”. Poi ‘esalta’ Lukaku

0
1694

Le ultime news Inter mettono in risalto le parole di Christian Eriksen tra Conte, la svolta con il gol nel derby, lo scudetto e Lukaku

Christian Eriksen a Dazn

“Io e Conte dovevamo conoscerci di più”. Così Eriksen a ‘Dazn’ parlando della sua ‘rinascita’, con il feeling umano e soprattutto tattico finalmente trovato con il tecnico dell’Inter: “Ora lui mi conosce e io conosco meglio lui, questo rende più facile capire come interpretare certe partite. Pian piano ho imparato come devo giocare. Sono qui da un anno, ormai e ogni giorno facciamo quel che ci chiede l’allenatore. Nuovo Eriksen? Non lo so, forse è quello di sempre che gioca un po’ di più – ha risposto il danese – Nel sistema attuale gioco un po’ più basso, quindi sono più coinvolto in situazioni difensive, devo essere pronto per dei tackle o per recuperare il pallone”.

LEGGI ANCHE >>> Interlive.it | Calciomercato Inter, top club su Agoume: le ultime

Inter
Eriksen e Conte Getty Images)

Per tutte le altre news di calciomercato e non sui nerazzurri CLICCA QUI.

Inter, Eriksen: “Scudetto? Possiamo solo sognarlo finché non lo avremmo vinto. Lukaku sta facendo cose incredibili”

Scudetto? E’ stata una delle prime parole che ho imparato, ma possiamo solo sognarlo finché non lo avremo vinto – ha evidenziato Eriksen prima di ribadire che la vera svolta per lui è arrivata con il gol decisivo nel derby col Milan di Coppa Italia – La percezione che si ha è quella che da lì le cose sono del tutto cambiate. Dall’esterno sembrava una specie di risveglio, come a dire: ‘Guardate, sa ancora tirare le punizioni, non è sparito’. Ho capito subito che la palla stava andando nella direzione giusta”. Chiosa su Lukaku, il punto di riferimento dentro e fuori dal campo dell’Inter: “Abbiamo un bel rapporto con Romelu, è un gigante buono. Abbiamo giocato contro quando eravamo ragazzini e lui era all’Anderlecht. Sta facendo cose incredibili, nemmeno in Premier giocava così e io ho giocato contro di lui spesso”.