Calciomercato Inter, taglio monte ingaggi | Doppia risoluzione contrattuale

0
3124

Zhang vuole ridurre il monte stipendi dell’Inter. A rischio taglio soprattutto i giocatori con stipendio elevato e non indispensabili alla causa

Inter
Steven Zhang (Getty Images)

Steven Zhang punta a tagliare i costi, ovvero il monte ingaggi dell’Inter. Al di là della possibile cessione di un big, ma in tal caso saranno necessarie offerte congrue, nel mirino del presidente nerazzurro come della dirigenza ci sono soprattutto quei calciatori con stipendio elevato e non indispensabili alla causa. Kolarov e Young a parte, senza contare Ranocchia ai quali – qualche speranza per un rinnovo sembra averla solo il centrale umbro – non verrà prolungato il contratto in scadenza a giugno, i nomi sono quelli di Arturo Vidal e Alexis Sanchez. Il primo ha deluso le attese complici guai fisici e guadagna circa 6 milioni di euro netti, il secondo ha convinto solo a tratti e prende ben 7 milioni. L’ex Manchester United, acquistato a zero l’estate scorsa dopo l’anno in prestito, è il più pagato della rosa dopo Lukaku e Eriksen, i cui stipendi toccano circa gli 8 milioni bonus esclusi.

LEGGI ANCHE >>> Interlive.it | Calciomercato, le ultime su Conte tra Inter e Tottenham

Calciomercato Inter, ipotesi risoluzione contratto di Vidal e Sanchez: i dettagli

Sanchez e Vidal – Getty Images

Per tutte le altre news di calciomercato e non solo sui nerazzurri CLICCA QUI

Per ragioni di età, quasi 34 anni Vidal e 32 Sanchez, oltre che naturalmente economiche sarà pressoché impossibile o quasi per l’Inter ricavare qualcosa dalla cessione dei due cileni (rappresentanti dall’agente Felicevich) il cui contratto con la società di viale della Liberazione scade rispettivamente a giugno 2022 (c’è opzione rinnovo) e giugno 2023. Sulla scia di quanto fatto con Godin, in verità l’Inter potrebbe tentare la strada della risoluzione consensuale. In questo modo il club dovrà sì tirare fuori dei soldi per le buonuscite perdendo i benefici del Decreto Crescita, ma al contempo alleggerirebbe immediatamente il monte ingaggi di una cifra superiore ai 20 milioni di euro.