Lasarte: Sanchez e Vidal si distinguono sia per le loro qualità sportive, sia per la capacità di motivare”

0
232

Inter, il tecnico della Nazionale cilena Martin Lasarte ha voluto sottolineare l’importanza di giocatori d’esperienza come Sanchez e Vidal all’interno della sua squadra. Il tecnico punterà ancora su di loro anche nella prossima Copa America

Sanchez col Cile (Getty Images)

INTER LASARTE SU VIDAL E SANCHEZ/ L’allenatore del Cile Martin Lasarte, è stato intervistato da Fifa.com. Il tecnico ha voluto sottolineare come sono importanti i giocatori di esperienza, in una nazionale che si vuole rinnovare per cercare di mantenere alto il livello e puntare a nuove vittorie. Queste le sue parole in merito: “La loro esperienza è molto importante, non è un caso che gente come Vidal, Bravo, Sanchez e Medel abbiano conquistato i traguardi più significativi del nostro calcio. Sono giocatori che ancora oggi si distinguono per le loro qualità sportive, ma anche per la loro capacità di motivare. Questo è ciò che intendo quando parlo di trasferimento dell’esperienza: è fondamentale avere giocatori con la capacità di trasmettere conoscenze, e il Cile li ha”. In vista della prossima Copa America, che si disputerà quasi in contemporanea con l’Europeo, dal 13 giugno al 10 luglio 2021, l’allenatore è di fronte ad un dilemma: puntare sui giovani, in preparazione alle prossime qualificazioni al Mondiale in Qatar del 2022, oppure scegliere i giocatori più esperti. Per tutte le altre news CLICCA QUI.

 

LEGGI ANCHE>>> Inter, Suning chiude con il fondo | Ecco tutti i dettagli

In merito a questo problema ha detto: “E’ come chiedere di scegliere tra la mamma e il papà. La risposta è guardare le cose a livello globale. Il grande obiettivo è qualificarsi per la Coppa del Mondo. Per la Copa America, da oggi, pensiamo a un mix, dando un po’ di minuti a quei ragazzi che hanno giocato poco o nulla. Anche perché, subito dopo, ne avremo bisogno per le qualificazioni e, se ce la faremo, ai Mondiali stessi. In questo senso, vediamo la Copa America come una soluzione, non un problema, e non credo che avrà un esito negativo in termini sportivi”.