Dzeko: esperto e con qualche problema fisico di troppo | Ma è più di un ‘tappabuchi’

0
1910

Inter: Edin Dzeko è praticamente quasi un nuovo giocatore dei nerazzurri. Non un acquisto e tantomeno un errore. Scopriamo perché

Inter
Edin Dzeko (Getty Images)

Edin Dzeko ad un passo dall’Inter. Il primo di due rinforzi per l’attacco a disposizione di Simone Inzaghi dopo l’addio di Romelu Lukaku sarà proprio il bosniaco. Ovviamente, sia per motivi di età che per una condizione fisica non sempre ottimale, non sarà l’unico giocatore ad arrivare in nerazzurro. Non si tratta comunque di un tappabuchi ma, anzi, di un uomo più che utile alla causa. Per tutte le altre news CLICCA QUI.

LEGGI ANCHE>>> Si lavora anche sulla fascia | Sprint Inter per Dumfries

Inter, arriva Dzeko: il Cigno di Sarajevo, più di un rinforzo

Inter
Edin Dzeko (Getty Images)

Innanzitutto, la prima cosa da dire su Edin Dzeko è che José Mourinho non avrebbe voluto che lasciasse la Roma. E già questo dovrebbe bastare per far comprendere meglio di quale giocatore stiamo parlando, seppur non più lo stesso di qualche anno fa. Se il parere dello ‘Special One’ non vi basta, ecco a voi qualche numero rilevante: nelle ultime tre stagioni, in una squadra non di certo competitiva, ha segnato 47 gol e fornito 29 assist ai compagni di squadra. Numeri importanti, non di certo da ‘ripiego’. Il ‘Cigno di Sarajevo’, come viene definito da tutti praticamente dall’inizio della sua lunga carriera, è davvero un centravanti completo che fa del fisico e dei colpi di testa le sue doti migliori.

LEGGI ANCHE>>> Parma-Inter, i tifosi contestano Zhang. Cori pro Marotta-Ausilio e giocatori

E’ in grado di segnare in qualsiasi modo e di creare spazi per servire i propri compagni in area di rigore. Dotato di tecnica e pure di un’ottima visione di gioco, può calciare con entrambi i piedi senza sfigurare. E’ in su con l’età, non può garantire fisicamente, considerando i vari infortuni, quello che garantiva Lukaku – motivo per cui anche uno tra Zapata e Correa verrà acquistato – ma occhio a fare l’errore di sottovalutarlo; se l’esperienza è sacra, non si tratta certamente di un errore di mercato.