Inzaghi: “Non potevo immaginare esordio migliore. Nuovo attaccante, ecco cosa voglio”

0
500

Le parole di Simone Inzaghi dopo Inter-Genoa, match valevole per la prima giornata di Serie A andato in scena oggi al Meazza

Simone Inzaghi (Getty Images)

Vincente e convincente la prima Inter di Simone Inzaghi. Al ‘Meazza’ 4-0 al Genoa sotto il segno di Skriniar, Calhanoglu, Vidal ed Edin Dzeko: “Non potevo immaginare un esordio migliore – ha detto il tecnico nerazzurro al microfono di ‘Dazn’ – In questo gruppo c’è tanta voglia di imparare i concetti nuovi. Ricordiamoci che stasera mancavano Lautaro, Sanchez e il prossimo attaccante che arriverà. Dobbiamo giocare sempre così, spensierati. Ho liberato tutti i giocatori, ora dobbiamo continuare così perché la prossima a Verona sarà una partita difficile”.

CALHANOGLU – “E’ un grandissimo giocatore, capace di unire qualità a tantissima quantità. Però è riduttivo parlare solo di lui”.

SENSI – “Lo vedo tutti i giorni, è un giocatore importante e oggi ho cercato di trovargli un posto. Sono fortunato di avere un giocatore così, lui come gli altri”.

LEGGI ANCHE >>> INTERLIVE | Risale Correa, ma resiste Thuram: Lotito ago della bilancia

Per tutte le altre news di calciomercato e non solo sull’Inter CLICCA QUI

Inter-Genoa, Inzaghi: “Dal nuovo attaccante mi aspetto qualche gol importante. Dzeko, che giocatore!”

Simone Inzaghi (Getty Images)

NUOVO ATTACCANTE E DZEKO – “Sappiamo che dobbiamo completare l’attacco, la partenza di Lukaku è stata inaspettata. Che caratteristiche voglio dal nuovo rinforzo per il reparto avanzato? Be’, sicuramente che possa fare qualche gol importante. Da domani torneremo a pensare al mercato. Intanto avete visto che giocatore è Dzeko, si è subito integrato bene e secondo me può ancora crescere”.

DUMFRIES – “E’ un giocatore di qualità che ci aiuterà sicuramente nel corso della stagione. Ho fatto entrare lui alla fine ma avrei voluto anche far entrare tutti gli altri… Ranocchia, D’Ambrosio e Kolarov è dall’8 luglio che non saltano un allenamento, in questa squadra non ce n’è uno che non meriti”.