Risoluzione Sanchez | Ecco come stanno le cose

0
1553

L’incertezza sul futuro di Sanchez va subito sciolta per non creare problemi ‘tattici’ ed evitare ingenti danni economici

Calciomercato Inter
Alexis Sanchez – Getty Images

Alexis Sanchez è alle prese con un infortunio al polpaccio che lo ha costretto ad uno stop prolungato. Nonostante abbia terminato un programma di recupero personalizzato in quel di Barcellona a cura del professor Cougat – oggi rientrerà ad Appiano – le sue condizioni sono ancora incerte. Così come incerta sembrava la sua permanenza in nerazzurro: si parlava di una risoluzione del contratto, una via piuttosto accreditata. Il cileno era stato etichettato più volte come una pedina in eccesso, un peso extra per i piani di Inzaghi. Le voci son pian piano rientrate non appena l’Inter ha sofferto una carenza di attaccanti e lo stesso tecnico ha manifestato l’urgenza di avere a disposizione qualcuno sin dalle prime battute. Dzeko se l’è cavata egregiamente contro il Genoa e Lautaro tornerà a disposizione per il match fuori casa contro il Verona, ma questo non è sufficiente per garantire un certo grado di serenità. Gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo.

LEGGI ANCHE >>> Correa e non solo | Inter al lavoro per il doppio colpo in attacco

Calciomercato Inter, niente risoluzione per Sanchez

napoli inter sanchez conte ritardo allenamento
Alexis Sanchez (Getty Images)

Non sono soltanto ‘tecniche‘ le motivazioni che hanno portato al congelamento della via della risoluzione contrattuale, ma soprattutto economiche. Per l’Inter dire addio a Sanchez sarebbe un bagno di sangue: il cileno intasca 7 milioni di euro netti fino al 2023 e la sua buonuscita sarebbe a dir poco consistente per le casse interiste. Come se non bastasse, la società nerazzurra perderebbe i benefici del Decreto Crescita relativi al lordo e quindi dovrebbe rimborsare lo Stato di tutte le somme che fino ad allora aveva scrupolosamente risparmiato con lo ‘sconto’. Una situazione delicata che l’Inter non può permettersi di affrontare: meglio prevenire che curare.