Ecco i tre incedibili dell’Inter | Tutti gli altri sono sul mercato!

0
658

L’Inter è nel vivo della negoziazione per il rinnovo di contratto di uno dei tre pezzi intoccabili della rosa nonché cardini del progetto nerazzurro

Inter
Piero Ausilio (Getty Images)

La trattativa di rinnovo del contratto che lega Nicolò Barella all’Inter è lanciata a tal punto che il d.s. Piero Ausilio e l’agente del calciatore, Alessandro Beltrami, hanno già avuto un contatto diretto per fissare un appuntamento. I due, che non mancheranno l’occasione di rinnovare un saluto questa sera al ‘San Siro’, potrebbero già incontrarsi entro la fine della settimana per un primo colloquio frontale. Sul piatto, va ricordato, il calciatore vorrebbe un degno adeguamento sulla base delle promesse fatte a tempo debito dalla dirigenza, rispetto a quanto percepito finora. I 2,5 milioni di euro, infatti, potrebbero lievitare ad almeno 4-4,5 milioni di euro netti più bonus (Lautaro ne guadagna 6,2 ed è in crescita) se non oltre: dipenderà dalla richiesta dello staff del centrocampista della Nazionale. Le probabilità che si trovi un accordo in tempi brevi sono alte, sebbene non sarò così immediato. Potrebbe volerci più di qualche incontro per trovare una via d’uscita comune. Certo è che Marotta ed Ausilio hanno tutto l’interesse nel dare i giusti meriti ad un calciatore che rispecchia il vero spirito nerazzurro e per il quale nutrono grandi speranze future. Barella, assieme a Lautaro e Bastoni, compone il trio degli inc(r)edibli.

LEGGI ANCHE >>> Da Lukaku e Icardi al ritorno all’Inter | Milito rivela tutto quanto

Inter, Lautaro-Barella-Bastoni una certezza per reparto

Dimarco e Barella © Getty Images

Il trio degli incedibili, come palesato dalla dirigenza interista, è il nucleo attorno a cui ruota l’intero progetto nerazzurro. Lautaro, Barella e Bastoni infatti coprono con qualità ogni reparto del campo ad esclusione di quello fra i pali, sul quale c’è ancora da lavorare. Per Inzaghi sono i portavoce dell’identità della squadra intera. L’idea di perdere uno qualunque dei tre peserebbe sugli equilibri raggiunti, ma questa è un’ipotesi da scongiurare almeno per il momento.