Murgia: “Il lavoro che sta facendo Simone Inzaghi è soltanto da ammirare”

0
7

Inter, Alessandro Murgia ha dato il suo parere molto positivo sull’allenatore dell’Inter Simone Inzaghi 

Inter
Inzaghi

Il calciatore Alessandro Murgia, è stato intervistato da Sky Sport. Il centrocampista ha iniziato la carriera alla Lazio nel 2016, poi nel gennaio del 2019 è passato alla Spal e quest’anno è in prestito dalla squadra emiliana al Perugia in serie B. Il colloquio si è basato molto sulla figura del suo ex allenatore Simone Inzaghi del quale ha detto: “Possiamo dire che lui ed io siamo cresciuti insieme. Mi ricordo quel periodo in cui è arrivato a campionato in corso. Quella gara contro il Palermo fu la mia prima convocazione e anche la sua prima partita, finita con una vittoria. Le emozioni sono state tante, per me ma credo anche per il mister. Il percorso che ha fatto alla Lazio parla da solo. Personalmente non avevo dubbi, lo conoscevo da tanto tempo e lo conosco abbastanza bene. Sono molto contento per il percorso che ha fatto”.
Gli hanno chiesto se l’allenatore ora all‘Inter, è bravo a compattare il gruppo e lui ha spiegato: “Lui ha questa grande qualità di creare un gruppo e uno spogliatoio molto compatto e unito in cui tutti sono alla pari e disposti a dare tutto quanto in campo. Questa è una cosa che alla lunga, in un campionato come quello italiano, può aiutare tantissimo”.

LEGGI ANCHE >>> Correa rassicura sulle sue condizioni fisiche, ad Inzaghi la scelta

LEGGI ANCHE >>> Da Zhang all’Arabia: meglio fallire (o il ritorno di Thohir)

Gli hanno domandato, se ricorda il trofeo vinto grazie ad un suo gol con tanto di corsa del tecnico per abbracciarlo e il calciatore ha risposto: “Mi ricordo tutto: la sua corsa, le emozioni provate per la vittoria di quel trofeo contro una grande squadra in casa davanti ai nostri tifosi, il suo e anche il mio primo trofeo. Un’emozione fantastica, penso da parte di tutti quanti. Per me e anche per il Mister, per il percorso che stava facendo e che poi ha continuato a fare i risultati in campo hanno parlato da sé. Le emozioni rimangono e sono sempre forti però il lavoro che sta facendo è soltanto da ammirare“.