Al via le contromisure di Sarri per spezzare l’avanzata dell’Inter

0
46

Maurizio Sarri ha in serbo una strategia studiata ad hoc per contenere l’Inter e creare buchi dove poter colpire

Maurizio Sarri alla guida della Lazio (Getty Images)

Il neo tecnico della Lazio Maurizio Sarri sa di non poter affrontare l’Inter a cuor leggero, sa di avere sulle sue spalle la responsabilità di dover impartire le migliori direttive possibili per poter arginare ogni pericolo si dovesse parare innanzi alla sua difesa. Ed è proprio dal reparto arretrato che, negli scorsi giorni, come riporta il ‘Corriere dello Sport’, è voluto ripartire. Un occhio di riguardo va dato alla capacità dei calciatori nerazzurri di sfruttare ogni occasione da calcio piazzato con le proprie torri (cinque gol segnati a fronte dei ventidue totali). Le sviste di Reina, le marcature sbagliate devono essere solo un brutto ricordo. Sarri pretende attenzione, concentrazione su ogni spiovente.

LEGGI ANCHE >>> Pinilla: “Vidal è il miglior giocatore della storia del Cile”

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, passi avanti per il rinnovo di Barella | I dettagli

Lazio-Inter, Sarri si affida alle certezze

Inter
Kean, Barella e Ciro Immobile con la maglia della Nazionale (Getty Images)

La sfida della Lazio contro l’Inter sarà un buon terreno di prova per Sarri al fine di sperimentare nuove strategie senza l’ausilio di una pedina essenziale ma basandosi esclusivamente sulle certezze di cui dispone. Il difensore Acerbi è infatti squalificato, mentre l’indiscusso bomber Immobile è alle prese con il recupero da uno stop muscolare ma dovrebbe essere regolarmente visto in campo. A detta del ‘Corriere dello Sport’ quello che servirà sarà una grande coesione non solo in una difesa leggermente rivisitata ma soprattutto spirito di sacrificio a centrocampo, quel reparto d’alta classe che a Bologna ha lasciato a desiderare e che non è esente da qualche stravolgimento dell’ultimo minuto. La vera arma sarà, come al solito, un Immobile più affamato che mai. Lo stesso attaccante – ora capocannoniere del campionato assieme a Dzeko – su cui Inzaghi aveva puntato tutto e che aveva più volte stupito la Juve di Sarri al tempo di quella Lazio da scudetto.