Una conferma ad alti livelli, ma c’è il pericolo Premier: 6 milioni l’anno

0
225

Ennesima prova di spessore per l’esterno croato che da sempre sogna la Premier ma che l’Inter vorrebbe trattenere

Perisic in azione contro lo Sheriff (Getty Images)

Come per Vidal, anche la prova di Ivan Perisic contro lo Sheriff è stata più che positiva tanto da pensare stia tornando ad esprimere il suo miglior calcio. Il croato, tuttavia, è una di quelle pedine col contratto in scadenza che l’Inter aveva ben pensato di inserire tra gli esuberi. Ad oggi i nerazzurri non vorrebbero privarsene più tanto facilmente e cercheranno in tutti i modi di trattenerlo ancora a Milano proponendogli un rinnovo con riduzione del contratto al 50% dalla base di partenza di 5 milioni di euro annuali. Per quanto lusinghevole, questo tipo di offerta potrebbe far storcere il naso a Perisic sempre pronto a fare la sua parte nelle vesti di titolare e trascinatore ma che invece è attualmente alle prese con un continuo ballottaggio col compagno di reparto Dimarco. Inoltre. l’eventuale possibilità che gli venga offerto un ingaggio persino più alto (sui 6 milioni) di quello attuale da parte di un club inglese non verrebbe rifiutata. Giocare in Premier League, per lui, è sempre stato un sogno.

LEGGI ANCHE >>> Il fuoriclasse Dzeko

LEGGI ANCHE >>> Addio Sensi, doppia strada: regalo scudetto e scambio choc

Calciomercato, dal sogno Premier all’affetto per l’Inter: la scelta di Perisic

Inter
Ivan Perisic con Inzaghi alle sue spalle (Getty Images)

Perisic dovrà compiere entro gennaio una scelta difficile: decurtarsi buona parte dello stipendio per continuare la sua avventura con l’Inter magari per un solo altro anno ancora, complice l’ottimo periodo di forma in ascesa, oppure tentare la strada più ‘semplice’ volando oltremanica, dove potrebbe aspettarlo un ingaggio più consono alle sue aspettative e giocare l’esperienza che aspetta da tutta una vita. Come già anticipato, l’Inter non attenderà gli sgoccioli per presentare un’offerta qualora vedesse nel creato anche un briciolo di interesse nello sposare ancora il progetto nerazzurro lanciato da Inzaghi.