Inter nel mirino | Attacco ufficiale: “E’ quadruplicato. Serve rispetto”

0
390

Comunicato ufficiale contro l’Inter, nello specifico contro la società a due giorni dall’attesissimo derby d’Italia con la Juventus

Inter nel mirino a due giorni dall’attesissimo, e fondamentale in ottica scudetto, derby d’Italia contro la Juventus di Allegri.

Antonello e Marotta (Getty Images)

A ‘tuonare’ è la Curva Nord, ovvero il tifo interista organizzato nonché centro pulsante di ‘San Siro’. Motivo? La gestione del club nerazzurro per quanto riguarda i biglietti del derby d’Italia: “(…) Il reparto biglietteria dell’Inter ha pattuito una linea a fine stagione scorsa sulla gestione biglietti per i vecchi abbonati, per poi sbugiardarsi venendo meno a quanto deciso – riporta la nota ufficiale della Curva Nord – Ci hanno chiesto aiuto molti Inter Club, dicendoci che domenica non potranno portare allo stadio la loro gente per via di questo repentino e scorretto cambio di rotta gestionale. Riepiloghiamo: l’Inter aveva assicurato agli abbonati della stagione 2019-2020 che per questa avrebbe applicato una formula molto semplice per il prezzo dei tagliandi: (costo dell’abbonamento diviso 19 partite) + 15%. A Inter-Juve il prezzo è praticamente quadruplicato.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, tripla firma con l’Inter | C’è l’annuncio di Marotta

Inter-Juve, la Curva Nord: “Il tifoso non va preso in giro”

curva nord inter
Coreografia Curva Nord (Getty Images)

(…) Noi pensiamo che il patrimonio dell’Inter è e deve rimanere il tifoso che andando da sempre ha contribuito, anche nelle stagioni più buie, a far sì che l’Inter fosse sempre la squadra più amata, seguita e con più abbonati – sottolinea la Curva nel comunicato – Cara Inter, così facendo, venendo meno alla parola data, si andrà incontro all’inevitabile perdita dei tifosi più veri e passionali, persone che vivono davvero per questi colori. Arriveranno quindi sempre più i tiepidi consumatori, gente che alla partita di cartello non farà certo fatica ad esserci, ma che alla fine, quando la ribalta non sarà per uno scontro di vertice, lascerà lo stadio tristemente vuoto e senza anima. Il tifoso va rispettato. Non prendetelo in giro“.