Inter: spazio a Correa contro il Napoli, cambio di strategia per Inzaghi

0
23

In vista del prossimo big match contro il Napoli Inzaghi si trova di fronte ad una nuova scelta tecnica che potrebbe scardinare la difesa avversaria

InterNapoli, in programma questa domenica 21 novembre alle ore 18:00, è un incontro che promette faville. Entrambe le squadre si daranno battaglia ai vertici della classifica di Serie A per continuare la corsa allo scudetto ed Inzaghi potrebbe decidere di scegliere una nuova strategia che possa scardinare la difesa meno battuta del campionato.

Correa
Correa a segno per l’Inter ©LaPresse

Ciò a cui il tecnico piacentino ha abituato gli appassionati e gli addetti ai lavori è la prolifica coppia d’attacco DzekoLautaro: il centravanti bosniaco sfrutta i centimetri, la fisicità e la forza di volontà per abbassarsi, accentrarsi, catturare l’uomo e liberare il compagno argentino che, con la sua tecnica e rapidità, può affondare il colpo in profondità. Contro il Napoli, tuttavia, questo tandem potrebbe non essere sufficiente per superare una massiccia difesa che ha subìto soltanto 4 gol finora. Inzaghi potrebbe dunque schierare Correa dal primo minuto proprio al posto di Dzeko, donando alla manovra offensiva caratteristiche diverse e facendo rifiatare il numero 9 in vista del prossimo impegno di Champions dopo gli affanni con la sua Nazionale.

LEGGI ANCHE >>> Inter-Napoli, squadra al lavoro oggi: Lautaro-Dzeko in attacco

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, scatto Juve e Marotta anticipato | Il bomber va a Torino

Inter-Napoli, miglior attacco contro miglior difesa

Kalidou Koulibaly, muro del Napoli ©LaPresse

L’Inter e il Napoli di questa stagione detengono rispettivamente i titoli di miglior attacco e miglior difesa del campionato: una sfida che richiama anche i numeri e le statistiche. Dopo 12 giornate i nerazzurri hanno messo a segno 29 reti di cui 26 in area di rigore (di cui ancora 8 di testa) e solo 3 da fuori, a conferma di una propensione per un gioco offensivo che si sviluppa fino a pochi passi dal portiere avversario; i partenopei hanno invece subìto 4 reti di cui 2 entro i primi 15′ di gioco. Su chi potrebbe pendere l’ago della bilancia lo dirà soltanto il campo, domenica pomeriggio.