Marotta punta Dybala: affare a zero con cessione eccellente

0
947

Marotta è un grande estimatore di Paulo Dybala, il cui rinnovo con la Juventus si è molto complicato. L’Inter dovrebbe fare un doppio sacrificio

Paulo Dybala all’Inter, la clamorosa ipotesi di mercato torna prepotentemente d’attualità visto che si è complicata a dir poco la trattativa tra l’attaccante argentino e la Juventus per il rinnovo del contratto in scadenza il prossimo giugno.

Paulo Dybala ©LaPresse

Le continue frecciate dell’Ad bianconero Maurizio Arrivabene, l’ultima prima del derby d’Italia di Supercoppa, possono portare alla rottura definitiva fra le parti e spingere il classe ’93 di Rosario ad andaresene a parametro zero.

Marotta è un grandissimo estimatore di Dybala, provò a prenderlo già nell’estate 2019 attraverso uno scambio con Mauro Icardi. Ora, secondo ‘La Gazzetta dello Sport’, può tornare all’assalto pregustando il gran colpo a costo zero. Un colpo anche simbolico, per giunta a quell’Andrea Agnelli che nel 2018 lo mandò via in malo modo dalla Juve.

LEGGI ANCHE >>> INTERLIVE | Kostic resta in prima fila per il dopo Perisic: le ultime

LEGGI ANCHE >>> INTERLIVE | Frattesi il prescelto per il centrocampo: scatto Inter

Calciomercato Inter, via Lautaro per Dybala

Calciomercato Inter, Dybala a zero con l'addio di Lautaro
Dybala e Lautaro ©LaPresse

Le condizioni per lo sbarco di Dybala alla corte di Inzaghi sono due: l’abbassamento delle sue richieste di ingaggio, perché l’Inter non può certo permettersi un contratto da 10 milioni netti bonus inclusi (quello che a ottobre scorso gli ha garantito la società torinese per il rinnovo prima del dietrofront); la partenza di un attaccante: più che quella di Sanchez, potremmo azzardare Lautaro Martinez dato che è altamente improbabile che l’Inter possa accettare di farsi carico di uno stipendio importante avendo già in rosa quelli del ‘Toro’ e del cileno. Ricordiamo che al lordo Lautaro costa di più, qualcosa come 12 milioni di euro, rispetto a Sanchez per il quale i nerazzurri hanno sfruttato i vantaggi del Decreto Crescita.